LA CORSA ALL’MVP PER LA STAGIONE 2020/2021

‘MVP, MVP, MVP’

Spesso sentivamo questi canti alla fine delle partite NBA, quando il beniamino dei tifosi di casa si apprestava a battere dei tiri liberi. Il titolo di MVP della regular season in NBA è molto di più di un semplice trofeo, è la consacrazione a sovrano della stagione appena terminata. Di seguito i nostri cinque nomi che riteniamo favoriti per arrivare al titolo individuale più ambito della lega.

i 5 giocatori possibili candidati

Lebron James: se si parla di MVP, è impossibile non citare il Re. Un giocatore incredibile, che da 17 anni domina in NBA e che quest’anno sembra più che deciso a bissare il titolo della scorsa annata. Le cifre di quest’anno sono le solite a cui ci ha abituato il nativo di Akron (25 punti 8 rimbalzi e 7 assist di media). A questi numeri va aggiunto un tiro da 3 che è diventato una certezza (40% dalla lunga distanza) e una prestanza fisica sensazionale per un giocatore di TRENTASEI anni.

Joel Embiid: Con Philadelphia prima ad Est e con la stagione che sta disputando il centro camerunense, il titolo di MVP sembra poter essere alla portata di Embiid. Quest’anno, con gli innesti di Curry e Green, il campo si è aperto in quel di Phila e Embiid sta trovando spazio per dominare in lungo e in largo dentro l’area. Le cifre del lungo dei Sixers non lasciano dubbi. 29 punti e 11 rimbalzi per puntare al primo titolo di MVP della sua carriera.

Kevin Durant: KD is back. Dopo il grave infortunio dello scorso anno, l’MVP delle Finals 2017 e 2018 è tornato ai suoi livelli. Il big 3 dei Nets fa sognare i tifosi, ma il giocatore che sembra realmente il leader della squadra è senza dubbio Kevin Durant. L’eleganza dei suoi movimenti è rimasta sconvolgente e con le sue prestazioni ha zittito tutti i critici che lo davano spacciato dopo l’infortunio. Per il momento viaggia a 30 punti di media, conditi da 7 rimbalzi e 5 assist; certo, condividere il campo con Irving e Harden non sarà semplice, ma la sua candidatura come MVP è una certezza.

Nikola Jokic: Il giocatore serbo ha decisamente alzato l’asticella quest’anno. In attacco è del tutto immarcabile: i movimenti in post sono di una varietà pazzesca ed è senza dubbio il miglior lungo passatore della NBA. Qualche notte fa ha messo a referto una prestazione da 47 punti, con la quale ha dimostrato di avere intenzioni realmente serie per quest’anno. 26 punti, 12 rimbalzi e 8 assist di media. I numeri parlano da soli, non c’è altro da aggiungere.

Giannis Antetokounmpo: The Greek Freak anche quest’anno sta trascinando i Bucks, che con un paio di innesti interessanti nella Free Agency, puntano all’anello. La concorrenza ad Est quest’anno è serrata, ma Giannis ha intenzione di dire la sua e lo sta dimostrando partita dopo partita. 27 punti 11 rimbalzi e 6 assist di media. Oltre a questi grandi numeri, il greco sta costruendo un tiro da 3 che potrebbe renderlo ancora più immarcabile; quando decide di penetrare invece, è semplicemente ‘unstoppable’.

lascia un commento

Your email address will not be published.