Gli appuntamenti da non perdere del fine settimana

Gli appuntamenti da non perdere del fine settimana

Weekend esplosivo quello che aspetta gli appassionati di sport. Dalla conclusione delle rassegne iridate dello sci alpino a Cortina e del biathlon a Pokljuka, fino alla resa dei conti all’Australian Open. Il menù è ricchissimo e noi siamo pronti a goderci lo spettacolo di questi appuntamenti.

Tempo di slalom a Cortina

Il mondiale italiano di sci alpino a Cortina, tra gli appuntamenti più in vista del momento, giunge al suo epilogo. L’evento, nonostante la pioggia di critiche, ha portato un oro e un argento all’Italia anche se in due gare dove le medaglie erano poco attese. Tutt’altra musica invece per Austria e Svizzera che hanno dominato in lungo e in largo le discipline veloci, portando a casa rispettivamente 4 e 3 ori. Risultati di livello anche per la fuoriclasse statunitense Mikaela Shiffrin che dopo aver conquistato 1 oro, 1 argento e 1 bronzo, è pronta a dare l’assalto a quella che è la sua disciplina.

Sabato infatti arriva il gran finale con lo slalom speciale femminile con le due manche fissate alle 10 e alle 13. In gara, per provare a fermare la campionessa del mondo in carica Shiffrin, ci saranno la svizzera Michelle Gisin, l’austriaca Katharina Liensberger ma soprattutto la slovacca Petra Vlhova. Nel settore maschile, che gareggerà sempre nello slalom speciale il giorno dopo agli stessi orari, la lotta appare apertissima con numerosi atleti che si presenteranno al cancelletto con velleità di vittoria. Tra questi il norvegese Kristoffersen, i francesi Noel e Pinturault, gli austriaci Schwarz e Feller e lo svizzero Zenhaeusern. Per l’Italia qualche chance per Alex Vinatzer.

mass start e staffette conclusive a pokljuka

Tra gli appuntamenti del momento, c’è un altro mondiale che giunge al termine, questa volta di biathlon. L’Italia non ha trovato ancora medaglie, per sfortuna e qualche errore di troppo al poligono, e affida le residue speranze alle ultime 4 gare della rassegna. Sabato sarà la volta delle staffette: quella femminile prenderà il via alle 11.45, mentre quella maschile alle 15. Le maggiori speranze azzurre risiedono proprio sulle spalle degli uomini ma il format di gara regala spesso e volentieri delle sorprese.

Domenica il gran finale con le mass start. Alle 12.30 la gara femminile che vede tra le principali favorite le norvegesi Echkoff (già vincitrice di due ori in questi mondiali) e Roeiseland, oltre che la francese Simon. La fuoriclasse azzurra Dorothea Wierer, protagonista di un mondiale ancora avaro di soddisfazioni ma che l’ha vista arrivare a un soffio dal podio in due occasioni, è comunque da inserire nel lotto delle possibili contendenti. Per l’Italia sarà della partita anche Lisa Vittozzi. I maschi partiranno alle 15.15 e l’italiano Lukas Hofer spera di poter spera di poter riscuotere un po’ di credito dalla fortuna che gli ha voltato le spalle in più di un’occasione nell’ultimo mese e mezzo. I favoriti rimangono norvegesi e francesi. Per i nostri colori da menzionare anche la presenza di Thomas Bormolini, che ha meritato il pettorale in questa dopo una stagione e un mondiale di buon livello.

Australian Open: le finali

Finalissime anche a Melbourne, per il primo slam dell’anno. In campo femminile la finale partirà alle 9.30 italiane di sabato mattina e vedrà fronteggiarsi la giapponese Naomi Osaka e l’americana Jennifer Brady. Mentre l’asiatica annovera già nel suo palmares due titoli US Open e l’Australian Open di due anni fa, la statunitense cerca la prima gioia in uno dei quattro maggiori tornei.

Il giorno successivo, alla stessa ora, sarà la volta della finale maschile. Da una parte Novak Djokovic che, nonostante i problemi fisici, è riuscito ad arrivare fino in fondo ed è alla ricerca della diociottesima vittoria in uno slam e della nona in quello australiano. Dall’altra Daniil Medvedev che pare si stia affermando sempre di più come il tennista del dopo Roger-Rafa-Nole. Il russo, alla second finale in uno slam, cerca il suo primo successo.

[Foto: OA Sport]

lascia un commento

Your email address will not be published.