Pagellone calcio estero: all’Everton il derby del Merseyside, dominio BVB

Pagellone calcio estero: all’Everton il derby del Merseyside, dominio BVB

Cosa è successo in questo ennesimo weekend di calcio nelle differenti parti d’Europa? Le reti non sono mancate, le emozioni nemmeno, si cominciano a delineare le classifiche europee dei diversi Campionati. Sebbene ciò, alcune big sono precipitate nella voragine della sconfitta, mentre altre compagini hanno approfittato di questo loro momento di sbandamento. Ecco il pagellone calcio estero del fine settimana.

L’EVERTON ESPUGNA ANFIELD: KLOPP COSA SUCCEDE?

Prima di illustrare il pagellone calcio estero, è necessario introdurre anche questo argomento: cosa sta succedendo al Liverpool? Dopo 22 anni i Toffees sbancano Anfield, Richarlison e Sigurdsson consegnano a Carletto tre punti preziosi. I Reds sono in crisi, si tratta della quarta sconfitta consecutiva. Oltre l’Everton, trionfano anche Leicester e Manchester City. Le Foxes continuano a segnare e a sognare con Rodgers in panchina; i Citizens, invece, sempre più al comando, sono dieci i punti di distacco dal secondo posto.

Nel derby della Ruhr emergono le difficoltà stagionali dello Shalke, il Borussia Dortmund ha modo di dimostrare il talento della propria squadra, in particolare dopo il successo europeo contro il Siviglia. Crollo Bayern in casa del Francoforte, il Lipsia ne approfitta ed accorcia le distanze dalla vetta: in corsa per il titolo ci sono anche i Bullen. Sconfitta cocente anche in casa Atletico Madrid, il Levante espugna il “Wanda Metropolitano“. Di seguito, dunque, il pagellone calcio estero del weekend.

Lipsia 9 IN PAGELLA

È senza dubbio la rivale per eccellenza del Bayern Monaco ed è strabiliante riflettere sul fatto che in così poco tempo il Lipsia sia diventata una tra le squadre più forti in Germania e forse in Europa. I risultati positivi stanno arrivando, ed arrivano anche in bello stile: sonora vittoria dei Bullen nell’ultimo turno di Bundesliga, i quali sbancano Berlino rifilando un pesante tris all’Hertha.

Dopo essere passati a condurre con Sabitzer, le reti nella seconda frazione di gara dei difensori Mukiele e Orban hanno chiuso definitivamente la gara. Il gap con il Bayern si sta riducendo, la distanza dalla vetta si sta consumando.

MANCHESTER CITY 8 IN PAGELLA

Dominio assoluto, veemenza straripante, la Premier League ha la fortuna di far gareggiare all’interno di essa una squadra come il Manchester City. Solitamente le gare dei Citizens sono meravigliose e soddisfano persino i palati più raffinati, ma con l’Arsenal è bastata una sola rete per trionfare. Al secondo minuto di gioco, infatti, neanche il tempo necessario per dimostrare la propria superiorità, Sterling apre le marcatura e sigilla l’1-0, risultato che resiste sino alla fine dei giochi.

La rosa di Guardiola si conferma una squadra solida, una squadra potente, una spanna o forse due più degli avversari. Leadership conquistata, in vetta sempre più solitari, i Citizens proseguono la propria corsa al titolo, senza nessun genere di ostacolo.

LEICESTER CITY 7 IN PAGELLA

Il Manchester City prosegue la propria corsa al titolo, ma il Leicester non molla la presa, il raggiungimento della seconda posizione fa tremare Pep. Mister Rodgers ha edificato una macchina quasi perfetta, ogni sistema funziona in modo esemplare, ciascun ingranaggio è parte integrante di un apparato inimitabile. Le Foxes espugnano Birmingham, dimora dell’Aston Villa, conquistando tre punti importantissimi per continuare a sognare. La coppia Maddison-Barnes trascina il Leicester al successo, “Villa Park” espugnato e Citizens avvisati.

FULHAM 7 IN PAGELLA

Successo di misura per i Cottagers nel match contro lo Sheffield United. Una sola rete è bastata a decidere la gara al “Craven Cottage“, fondamentale il gol di Lookman in avvio di ripresa. Con questa vittoria in questo scontro salvezza, i padroni di casa risollevano la loro classifica. Attualmente sono terzultimi a 22 punti, tre punti in meno dal quartultimo Newcastle. Profonda crisi, senza sosta in casa Sheffield, ormai sempre più ultimo.

BARCELLONA 6 IN PAGELLA

Che non sia una delle migliori annate del Barcellona, questo lo si era capito. La roboante sconfitta in Champions con Il PSG, non ha fatto altro che evidenziare le difficoltà stagionali del Barça, i risultati parlano chiaro. La compagine di mister Koeman non supera neanche il Cadice, riesce a strappare soltanto un punto dal match con la squadra neopromossa.

Leo Messi sempre più trascinatore di una squadra senza stimoli, anche se a fine stagione il suo futuro sarà lontano dalla Spagna. La beffa arriva nel finale, Fernandez dal dischetto firma il pareggio. I blaugrana torneranno in campo mercoledì contro l’Elche, ma il potente Barcellona degli anni passati è un cugino distante.

BAYERN MONACO 5 IN PAGELLA

Cosa sta succedendo Bayern? La squadra sta perdendo pezzi, sono tanti gli indisponibili, mister Flick conta pochi superstiti ormai. Gli infortuni rappresentano un grave problema da non sottovalutare, ma non è l’unico motivo a causare questa involuzione: i calciatori, infatti, cominciano ad accusare la stanchezza in un momento cruciale della stagione. La cavalcata della scorsa annata può costare un prezzo altissimo, è necessaria una svolta.

Un cambio di rotta tentato ma non riuscito nel match contro l’Eintracht Francoforte, perso di misura per 2-1. Unica nota lieta della partita il solito Lewandowski, capocannoniere della Bundesliga. Ore di riflessione in casa Bayern, è attesa una scossa.

TOTTENHAM 5 IN PAGELLA

Una stagione al di sopra della aspettative per il West Ham, davvero deludente, invece, la prestazione nella gara contro gli Hammers, oltre che l’intera annata. L’ennesima sconfitta, la quarta nelle ultime cinque partite e l’ottava totale in Premier League, la panchina di Mourinho ora comincia a traballare. Gli Spurs sono caduti sul campo del West Ham, il tabellino segnala il risultato finale, 2-1.

A nulla è servito il gol di Lucas Moura, arrivato dopo le reti di Antonio e Lingard. Il Tottenham rimane distante dalla zona Europa, i progetti iniziali della squadra londinese si complicano, Levy deve pensare necessariamente ad una rivoluzione.

LIVERPOOL 4 IN PAGELLA

Una sterzata è indispensabile anche in casa Reds, pare, ormai, che a Liverpool sia in fase di preparazione un nuovo film horror, con protagonisti Klopp e i suoi giocatori. Mancava dal 1999, circa 22 anni, una vittoria dell’Everton sul campo del Liverpool, mai giunta negli anni duemila. È servito Carletto Ancelotti per espugnare Anfield ed abbandonare i Reds in una voragine cupa e tenebrosa.

La retroguardia del Liverpool sembra non essere più impeccabile, gravano sulle spalle dei difensori errori davvero pesanti. Richarlison e Sigurdsson decidono la partita e condannano gli avversari alla sconfitta. Con quest’ultima, Klopp può dire addio alle speranze di titolo e rischia addirittura anche un posto tra le grandi d’Europa.

ATLETICO MADRID 4 IN PAGELLA

L’obiettivo di inizio stagione non cambia, ma a cambiare è l’atteggiamento della squadra allenata dal Cholo Simeone. Crollo a sorpresa dei Colchoneros, i quali cadono in casa contro il Levante e sciupano la possibilità di fuggire il Real Madrid. L’Atletico, che a breve sfiderà il Chelsea in Champions League, vengono puniti dalla rete di Jorge de Frutos e dall’autogol di Hermoso.

È una sconfitta cocente, troppo pesante da perdonare. Attenzione Cholo Simeone, questa prova incolore potrebbe compromettere l’approdo ai quarti di finale di Champions e la corsa verso il titolo.

PARIS SAINT GERMAIN 4 IN PAGELLA

Era una sorta di prova d’esame e i parigini falliscono miseramente il tentativo: il Monaco espugna il Parco dei Principi e batte il PSG per la seconda volta in Ligue 1. Malgrado il folto arsenale costituito da calciatori impregnati di talento, i Parisiens non riescono ad essere aggressivi, eccessivamente sterili i tentativi offensivi scagliati.

Dopo l’exploit contro il Barcellona, si sono resi pericolosi solo sporadicamente dalle parte dell’estremo difensore avversario. La stella Mbappé non ha brillato, come del reso tutta la rosa della compagine francese. La vetta ora dista quattro punti ed il Monaco stesso, alle spalle del PSG, corre velocemente.

lascia un commento

Your email address will not be published.