Marc Marquez, dopo Jerez si racconta: quando tornerà a correre in pista?

Marc Marquez, dopo Jerez si racconta: quando tornerà a correre in pista?

Marc Marquez, 8 volte campione del mondo di MotoGP, ha rotto il silenzio dopo il terribile incidente di Jerez. Il campione spagnolo si è pronunciato nella giornata di ieri, in occasione della presentazione del Team Honda 2021.

STORIA DI UN INCIDENTE

Era lo scorso 19 luglio quando si correva a Jerez, in Spagna, la 2a prova del motomondiale. Proprio in questa occasione, Marc Marquez fu protagonista di un pauroso incidente che lo tiene tutt’ora lontano dalle corse.

La caduta dello spagnolo avvenne in curva 3, a circa 150km/h. I dati rilasciati dalla Alpinestars, azienda che fornisce le protezioni a Marquez, ci fanno capire l’entità dell’impatto. L’incidente ha una durata di 5,3 secondi, con Marquez che scivola sul suolo per 3,55 secondi. Dopo essere stato per un intero secondo in volo, il pilota della Honda sbatte contro il suolo, con la moto che lo colpisce sul braccio destro con una forza di 25.98G.

L’infortunio per Marc Marquez si è rivelato piuttosto serio: certo i danni sarebbero potuti essere ben peggiori, ma il campione spagnolo si è comunque dovuto operare per tre volte al braccio. L’otto volte iridato ha dovuto quindi dare forfait nella passata stagione. Proprio per questo motivo la voglia di rivalsa è tanta, soprattutto se poi l’incidente avviene a causa di un problema dell’elettronica e non per un errore del pilota.

RIVEDREMO IN PISTA IL CAMPIONE SPAGNOLO?

Nella giornata di ieri 22 febbraio, la Honda ha presentato le moto che correranno nella stagione 2021. In occasione della conferenza stampa, lo stesso Marc Marquez si è presentato davanti ai microfoni 217 giorni esatti dopo l’ultima volta.

Il pilota nativo di Cervera, piccola città catalana, si è dimostrato sincero e ha dichiarato ai microfoni di AutoMotori News: “Devo andare step by step ma va sempre meglio, anche se non so dire al momento quando sarò pronto”. Non si ha dunque una data certa su un possibile rientro, anche se sarà normale non vedere un Marquez al top fin da subito. D’altro canto, la casa nipponica conta di poter appoggiarsi sul proprio pilota di punta il prima possibile, pur senza forzare i tempi, così da evitare possibili ricadute.

lascia un commento

Your email address will not be published.