Capezzano Pianore, quando le giovanili contano davvero

Capezzano Pianore, quando le giovanili contano davvero

Benvenuti nella rubrica più attesa di Coast2CoastBlog, quella sul calcio dilettantistico. Lo sappiamo che non riuscivate ad aspettare un altro secondo senza la nostra rubrica, là a ricaricare continuamente la pagina in attesa della pubblicazione dell’articolo.

Bene, eccoci ritornati. Questa settimana rimaniamo in Versilia, ma ci spostiamo un po’ più nell’entroterra rispetto a Pietrasanta. Oggi parliamo del C.G.C. Capezzano Pianore, squadra di Promozione Toscana. A narrarci della storia e delle gesta della squadra, abbiamo il piacere di raccogliere le parole di Fabrizio del Signore, segretario della società.

Qual è la vostra storia come società e squadra?

Il Capezzano Pianore nasce nel 1959, con la partecipazione al Campionato di Terza Categoria e con l’allestimento del primo settore giovanile.

La società è stata fondata da tre soci uniti da una grande passione per il calcio che vollero portare questo sport all’interno del nostro paese. Il primo storico Presidente della società fu Paolo Maggi che è rimasto in carica per molti anni.

Una svolta importante avvenne all’inizio degli anni Novanta con l’elezione a Presidente di Ivo Coli, attuale Presidente in carica. La società, infatti, grazie al suo operato, subì una notevole crescita, specialmente per quanto riguarda il settore giovanile, dove, dopo il raggiungimento dei campionati Regionali, le squadre ottennero importanti successi nelle rispettive categorie, riuscendo pure a valorizzare in modo professionale il proprio parco calciatori.

Altra pagina fondamentale è stato l’accordo stretto con la società A.C. Milan, che è stata il nostro partner ufficiale fino alla scorsa stagione. Artefice di questa collaborazione oltre alle rispettive dirigenze, va ricordata quella preziosa di Elisabetta Spina, che è stata la responsabile del nostro settore giovanile fino a quando non è approdata proprio, con lo stesso incarico, al Milan. Come sostituto arrivò Andrea Motroni, uno dei più grandi conoscitori di calcio giovanile delle nostre zone, ce ne sono veramente pochi nel settore come lui.

Dall’inizio di questa stagione sportiva, poi, è iniziata la collaborazione con l’Empoli FC, grazie a cui la nostra società è stata nominata uno dei tre Centri Tecnici della Toscana“.

Come sta procedendo l’attuale stagione? Come ha impattato su di voi il covid?

“Parlando della stagione in corso, bisogna sottolineare il fatto che questo secondo Lockdown ci ha messo in grave difficoltà economiche e societarie, come del resto le altre società, ma abbiamo una forte consapevolezza delle nostre capacità e siamo sicuri di poter tornare presto alla normale attività.

Infatti, nonostante tutto, siamo riusciti a mantenere vivo il programma, anche se in fase ridotta, dei nostri allenamenti mantenendo sempre una corretta e doverosa attenzione alle norme di sicurezza prescritte in questo periodo”.

Come siete organizzati a livello di squadre?

“Attualmente abbiamo la fortuna di avere tutte le squadre giovanili, dagli Allievi sino alla categoria dei Primi Calci. Partecipiamo ai campionati regionali con gli Allievi, gli Allievi B di Merito e i Giovanissimi Élite, e inoltre partecipiamo a tutti i campionati provinciali e dell’Attività di Base. Per quanto riguarda la Prima Squadra, siamo promossi la scorsa stagione nel Campionato di Promozione, e inoltre partecipiamo al Campionato Juniores provinciali“.

Quali sono i vostri progetti futuri come società?

“Purtroppo, il Covid per noi, come per altre società, è stata una pesante botta sulle nostre possibilità non solo di crescita, ma anche solo di sopravvivenza, visto il fatto che purtroppo sono venute meno tutte le entrate economiche su cui si fonda il mantenimento del Capezzano Pianore stesso. Speriamo che con la scoperta del vaccino tutto questo finisca in fretta e si possa ritornare alla quotidiana normalità.

Gli obiettivi, in ogni caso, per la nostra società, sono quelli di migliorare sotto l’aspetto tecnico e professionale i nostri ragazzi con le migliori tecniche di allenamento e preparazione all’attività sportiva. I nostri Educatori e Tecnici si sottopongono a costanti aggiornamenti, in modo da realizzare al meglio la crescita di ogni ragazzo. E tutto questo, senza tralasciare l’aspetto educativo e comportamentale”.

Qual è il vostro fiore all’occhiello? Il vostro vanto?

“Il nostro fiore all’occhiello è quello di esercitare la nostra attività nella maniera più professionale possibile e pensare solo ed esclusivamente alla crescita del nostro settore giovanile. Siamo una società modello che si può vantare di grande professionalità e serietà, riconosciuta in tutti i settori sportivi e non solo”.

Arrivederci, gentili lettrici e lettori, a settimana prossima! Sempre qui sulle colonne di Coast2CoastBlog!

lascia un commento

Your email address will not be published.