Fantanostalgia, quando Christian Maggio era il miglior esterno italiano

Fantanostalgia, quando Christian Maggio era il miglior esterno italiano

Per la prima puntata della rubrica “Fantanostalgia” vogliamo portarvi indietro alla stagione 2007/08, all’anno del ritorno in Serie A di Juventus, Napoli e Genoa: all’anno in cui Christian Maggio era considerato il miglior esterno italiano.

La Sampdoria di cassano, mazzarri e…maggio

Prima ancora della coppia Cassano-Pazzini, a Marassi hanno sognato con le invenzioni di Antonio Cassano e i gol di Christian Maggio. Il tutto sotto la guida di Walter Mazzarri, che impostò i blucerchiati con il classico 3-5-2 dove Maggio era l’esterno destro. Davanti la coppia Cassano-Bellucci.

Il gioco della Sampdoria esaltò la spinta e le capacità di inserimento di Maggio, che al quarto anno di Serie A non era certo uno dei pezzi pregiati in ottica fantacalcio. Beh, in quella stagione chi lo acquistò fece un affare enorme: nove gol e sette assist in 29 partite. Terzo marcatore della squadra (dietro Bellucci e Cassano) e, rigori esclusi, gli stessi gol di un certo Zlatan Ibrahimovic. Mostruoso e fantacalcisticamente devastante.

Maggio-mazzarri, una meravigliosa storia d’amore

Maggio non ha più replicato l’exploit di Genova, ma a Napoli, tra il 2008 e il 2013 ha vissuto anni in cui al fantacalcio era una certezza. Dopo la divisione nella stagione 2008/09, nell’ottobre del 2009 Mazzarri si siede sulla panchina partenopea ed ecco il 3-5-2 e i gol.

In tre stagioni e mezzo con Mazzarri realizza 16 gol e 19 assist in 125 partite. Un trenino che i fantallenatori hanno amato e un sodalizio, quello con il tecnico toscano, che ha contribuito ad animare le aste. Maggio riuscì, tra il 2008 e il 2014 anche a collezionare 34 presenze in Nazionale, disputando l’Europeo del 2012 da titolare il mondiale brasiliano nel 2014.

Gli arrivi prima di Benitez (nel 2013) poi di Sarri (nel 2015) a Napoli hanno influito sulle prestazioni di Maggio, che, dopo il gol del 13 gennaio 2013, non ha più segnato in Serie A.

Fine. Dalla stagione 2013/14 Maggio nelle aste è diventato un difensore “da prestazione” più che “da bonus”, ma il rapporto con Mazzarri e, soprattutto, quella stagione con la Sampdoria rimarranno scolpiti, diventando “fantanostalgia”.

lascia un commento

Your email address will not be published.