Djokovic fa 311 e punta altri record da n.1

Djokovic fa 311 e punta altri record da n.1

L’8 marzo Novak Djokovic ha fatto registrare l’ennesimo record. Il serbo ha staccato Federer, diventando il tennista con più settimane (311) trascorse in vetta al ranking ATP. Un risultato straordinario se si pensa che dal 4 luglio 2011, la prima volta in cui il serbo ha raggiunto la vetta della classifica, Novak è stato in cima più del doppio delle settimane messe insieme dai suoi eterni rivali Nadal e Federer (107+25) ed ha conquistato più slam (16 slam) di quanti ne abbiano collezionati lo spagnolo e lo svizzero messi insieme (15).

Ma quali sono gli altri record, inerenti alla prima posizione mondiale, che potrebbe battere Nole? Scopriamoli insieme.

SETTIMANE

La classifica all-time di settimane in testa al ranking lo vede primo (e destinato ad allungare il vantaggio), con Roger Federer, secondo con 310, che difficilmente tornerà n. 1 e Pete Sampras, terzo a 286, ormai ritiratosi anni fa. Tutta un’altra storia per le settimane consecutive. Inavvicinabile, infatti, il primato di Federer, che rimase in vetta per 237 settimane consecutive, dal 2 febbraio 2004 al 17 agosto 2008. La striscia aperta attuale di Djokovic è di 29 settimane; sembra fantascienza ipotizzare che possa rimanervi ininterrottamente per altre 209 consecutive, ossia senza soluzione di continuità fino al prossimo aprile 2025. (POSSIBILITÀ RECORD 0,1%)

ANNI

Fresco del record di settimane, Novak Djokovic detiene (in coabitazione con Pete Sampras) altresì il record di anni da n.1. Pochi mesi fa, infatti, aveva pareggiato i 6 anni di Pistol Pete, con Federer, Nadal e Connors alle loro spalle fermi a 5. In questo momento il campione di Belgrado è 1° nella race, ma essendosi disputato appena un torneo pesante, vedere questa classifica parziale è abbastanza prematuro. In ogni caso Nole attualmente è il tennista più forte del mondo su 2 superfici su 3 e ci sono ottime possibilità che riesca a mantenere alle spalle i suoi più immediati inseguitori, vuoi per problemi fisici (Nadal), vuoi per carenze su terra rossa (Medvedev) o erba (Thiem). Le possibilità che chiuda per la 7°volta da n. 1 di fine anno non sono così remote, anzi. (POSSIBILITÀ RECORD: 60%)

Insuperabile, invece, il primato di stagioni consecutive in testa, detenuto da Pete Sampras che terminò 6 anni da numero uno del ranking tra il 1993 e il 1998. Nole dovrebbe chiudere da n. 1 il 2021-22-23-24-25 per pareggiare Sampras ed anche il 2026 per avere il record in esclusiva. Francamente nemmeno il più sfegatato fan del serbo crede possa riuscirci. (POSSIBILITÀ EGUAGLIARE RECORD: 0,1 %; POSSIBILITÀ RECORD IN ESCLUSIVA: 0,01%)

N.1 PIÙ ANZIANO

Tralasciando i record di precocità, ormai ampiamente sfumati, Djokovic ha la possibilità di raggiungere quelli per “anzianità”. Il serbo è già il più anziano n. 1 a fine anno con 33 anni e 233 giorni il 31 dicembre scorso.

Il più vecchio primatista della classifica, invece, è Federer a 36 anni e 230 giorni il 24 giugno 2018. Per superare lo svizzero, Nole dovrebbe essere in testa alla classifica tra settembre-ottobre 2023, difficile ma non impossibile. (POSSIBILITÀ RECORD: 5%)

TIMESPAN

Il record per il maggior arco temporale tra il 1° e l’ultimo giorno da n.1 è ora nelle mani di Federer con 14 anni e 142 giorni di distanza tra il 2 febbraio 2004 e il 24 giugno 2018. Djokovic ad oggi è a 9 anni e 247 giorni tra la prima volta da n. 1 (il 4 luglio 2011) e l’ultima (8 marzo 2021). Per acciuffare anche questo primato dovrebbe essere n. 1 per l’ultima volta tra poco meno di 5 anni, nel dicembre 2025-gennaio 2026, sembra complicato. (POSSIBILITÀ RECORD: 1%)

Il primato per il più grande distacco temporale tra il 1° e l’ultimo anno da n.1 è, invece, di Nadal, con 11 anni tra il 2008 e il 2019. Djokovic dovrebbe chiudere l’anno da n. 1 nel 2022 per eguagliare lo spagnolo e nel 2023 per avere il record in solitaria.  (POSSIBILITÀ EGUAGLIARE RECORD: 10%, POSSIBILITÀ RECORD IN ESCLUSIVA: < 5%)

INCONTRI DISPUTATI E VINTI

Perso il primato di settimane, Federer conserva ancora il maggior numero di incontri giocati da primo nel ranking (486). Lo svizzero non può dormire sonni tranquilli: Djokovic, infatti, è terzo in questa particolare classifica con 440 match.  Federer (430) è anche in testa per match vinti da n. 1. Anche qui Djokovic (386) è terzo. Al serbo mancano una cinquantina di match; le possibilità che Roger si veda soffiare anche questi record sono elevate (POSSIBILITÀ RECORD: 50%)

TORNEI E FINALI

Il numero 1 che ha disputato più finali e vinto più tornei da leader del ranking è Jimmy Connors (65, una in più di Federer) e vinte (49). Novak attualmente è a quota 53 finali disputate da n. 1 e 38 vinte. Gli servono altre 12 finali e 11 titoli, tanti ma non tantissimi. (POSSIBILITÀ RECORD: 20%)

SLAM

Novak Djokovic e Roger Federer sono i nr.1 ad aver vinto più slam durante la loro leadership con 11 titoli a testa. Il serbo potrebbe raggiungere quest’altro record già al prossimo RG o tra Wimbledon e Us Open. (POSSIBILITÀ RECORD: 70%)

HEAD TO HEAD

Nei confronti diretti contro i numeri 1 in carica il migliore è Rafael Nadal (21). Lo spagnolo ha battuto 8 volte Djokovic e 13 volte Federer quando erano in vetta al ranking. Il serbo è a quota 14, ma mantenendo la testa della classifica è ovviamente impossibilitato ad incrementare il suo bottino. (POSSIBILITÀ RECORD: < 10 %)

CONCLUSIONI

Difficilmente Nole riuscirà a far suoi tutti i record sopraelencati, ad eccezione di quello degli anni (condiviso con Sampras e che potrebbe detenere in solitaria tra pochi mesi) e degli slam da n. 1, ma il traguardo ottenuto in settimana è l’ennesimo tassello di una carriera straordinaria che lo colloca di diritto nell’olimpo del tennis.

lascia un commento

Your email address will not be published.