Quando il Cinema incontra il Ciclismo: The Program

Quando il Cinema incontra il Ciclismo: The Program

The Program è forse la più importante pellicola dedicata al ciclismo degli ultimi anni. In occasione dell’inizio della stagione delle Classiche del ciclismo, con la Tirreno-Adriatico, vi parliamo del docufilm che narra la vita di Lance Armstrong, uno dei ciclisti più vincenti di sempre ma dalle vittorie macchiate dall’onta del doping.

THE PROGRAM: LA STORIA DI ARMSTRONG

Nei primi anni ’90 si affaccia nel mondo del ciclismo un ragazzo americano che promette molto bene. Ma nel 1996, dopo le prime vittorie, viene colpito da un cancro ai testicoli. Il ciclista lo sconfigge e torna in sella più forte che mai. Dopo questo evento la narrazione fatta dai media intorno al texano assume i connotati della favola. Purtroppo, come tutte le favole anche questa ha un grosso problema: l’assenza di verità. Lo strapotere dell’americano manda in visibilio gli appassionati, i media e gli sponsor, felici di aver trovato una nuova gallina dalle uova d’oro. C’è solo un uomo che non giudica oro tutto ciò che luccica: David Walsh del Sunday Times, il quale decide di mettere a rischio la propria carriera pur di vederci chiaro in questa storia.

THE PROGRAM: IL TRAINSPOTTING DEL CICLISMO

Nel film vengono inseriti tutti gli elementi della cronaca sportiva, come la fatica, il sudore e la competizione. Ma questi sono sommersi da un’enorme voglia di vincere, così grande che travalica il senso stesso dello sport. Tutto ciò non è importante, si è disposti a fare di tutto per primeggiare. Così con la stessa velocità di Lance Armstrong in sella alla propria bici aumentano vertiginosamente il numero di siringhe usate per doparsi. Un numero così enorme da far concorrenza a Spud, Renton e il resto dei protagonisti del cult movie sulla dipendenza da eroina Trainspotting.

THE PROGRAM: UN UOMO CONTRO I MEDIA

Il circo mediatico tifa spassionatamente per Lance: un volano per gli affari, straordinario spot per il mondo del ciclismo e pane quotidiano da dare in pasto agli appassionati. In più, per molti malati, rappresenta la speranza di poter sconfiggere il cancro. Armstrong è perfetto: vincente e inattaccabile. Solo Walsh non crede alla favola del texano. Il giornalista ipoteca la carriera pur di far luce sulla vera storia della parabola del campione. Nel 2004 Walsh riesce a scoperchiare il vaso di pandora pubblica “L.A. Confidential, i segreti di Lance Armstrong”.

THE PROGRAM: CAST E REGIA

Ben Foster interpreta Armstrong, mentre Chris O’Dowd interpreta Walsh. Del cast fanno parte anche Lee Pace, Jesse Plemons (nel ruolo di Floyd Landis, compagno di squadra di Armstrong), Guillaume Canet (nel ruolo del ciclista italiano Michele Ferrari) e Dustin Hoffman. La regia è stata invece affidata a Stephen Frears, il quale per descrivere la rincorsa alla verità del cronista sportivo ha scelto un linguaggio diretto, asciutto e senza fronzoli. Tralasciando le scorribande sentimentali e affettive per riportare al centro l’essenza della narrazione, facendo della pellicola non un blockbuster ma un film che deve suscitare il più grande numero di interrogativi possibili.

Il film The Program è disponibile in streaming a noleggio su: Apple Itunes a 3,99€ per la versione HD; TIMVision a 2,99€ per la versione SD. The Program è disponibile in streaming con la modalità acquisto su: Apple Itunes a 6,99€ per la versione HD e visibile in abbonamento su Amazon Prime Video.

Leggi anche Quando il Cinema incontra il Basket: He Got GameQuando il cinema incontra il pattinaggio: Tonya e Quando il Cinema incontra la NFL: Ogni Maledetta Domenica.

lascia un commento

Your email address will not be published.