Formula 1, tanti punti interrogativi per questo inizio di stagione

Formula 1, tanti punti interrogativi per questo inizio di stagione

Ci siamo: domenica i semafori rossi si spegneranno per la prima di ventitré volte in quel del Bahrein. Ci siamo allora chiesti: “La Mercedes dominerà ancora? La Ferrari riuscirà a riscattarsi? La Aston Martin farà bene alla sua “prima” stagione in Formula 1?”.

Questi però sono solo alcuni dei grandi interrogativi che ci accompagnano in questi ultimi giorni pre-stagionali.

UNA STAGIONE CHE CHIUDE UN’ERA

La stagione 2021 di Formula 1 è alle porte. Quando però si chiuderà, il prossimo novembre, si chiuderanno sette anni di assoluto dominio tedesco. Dalla stagione 2022, infatti, cambierà il regolamento: chi riuscirà a costruire la monoposto migliore?

Se dunque vediamo questa stagione come l’ultima di un ciclo, è lecito anche chiedersi se Mercedes riuscirà ad aggiudicarsi il titolo piloti e costruttori per ognuna delle otto stagioni dall’introduzione dell’ibrido. Dovesse farcela, entrerebbe ancor più nella storia. E se a vincere fosse ancora una volta Lewis Hamilton, l’inglese diventerebbe il pilota più vincente della storia.

È TEMPO DI RISCATTO

Se parliamo di riscatto, in Formula 1 pensiamo subito a una scuderia e ad un pilota in particolare. Esattamente, stiamo parlando di Ferrari e dell’ormai ex-pilota della rossa Sebastian Vettel.

Entrambi vengono da una stagione di gran lunga sotto le aspettative. Che sia stato per uno sviluppo auto poco efficace o per un’eccessiva pressione all’interno del box, la stagione scorsa è stata problematica. L’unica vera soluzione sembrava essere il cambiamento e così è stato. Carlos Sainz Jr. in Ferrari, Sebastian Vettel in Aston Martin.

“LA VERDE” ALLA SUA PRIMA ESPERIENZA IN F1

Da quando alla Racing Point è subentrata la Aston Martin, attorno alla scuderia si è creata un’alta aspettativa per la prossima stagione. Il Team però, rispetto alla stagione 2020, oltre al main sponsor, non ha subito grandi cambiamenti. La differenza più radicale è la coppia di piloti: dopo sette anni nello stesso Team, il messicano Sergio Perez non sarà più al volante della vecchia Force India. Al suo posto l’ex ferrarista Vettel, un pilota che può vantare un certo curriculum all’interno del circus.

Un Team dunque nuovo ma navigato, che ha una base solida da cui partire. La stagione 2021 sarà allora l’occasione giusta per la Aston Martin per dimostrare di aver assimilato tutto ciò che di buono c’era nella ex Racing Point. Allo stesso modo, potrà, forse, essere l’occasione giusta per rilanciarsi per Sebastian Vettel. Il tedesco arranca da troppo ormai e deve dimostrare di essersi meritato i quattro titoli iridati.

Questi sono, secondo la redazione di Coast2coast, i grandi punti interrogativi della stagione che sta per cominciare. Chiaramente non sono gli unici, ci sarà da monitorare la situazione di Alonso in Alpine e di Daniel Ricciardo in McLaren, ma solo il tempo ci dirà come andrà a finire!

lascia un commento

Your email address will not be published.