Esport, la nuova meta di business e investimenti per le multinazionali

Esport, la nuova meta di business e investimenti per le multinazionali

Sempre di più le aziende e le multinazionali stanno organizzando le proprie strategie di marketing, orientate a ottenere una buona visibilità nel settore Esport e a cercare nuovi business.

BUSINESS ED ESPORT, L’ESEMPIO KITKAT

Il mondo dei videogiochi è molto interessante e da alcuni anni sta attirando l’interesse di molte multinazionali. La possibilità di raggiungere un certo tipo di target, molto giovane, è per molte aziende una strategia necessaria. Quale mondo migliore se non quello dell’Esport?

Un esempio è la collaborazione tra KitKat, di proprietà di Nestlè, e Riot Games, il produttore di League Of Legends, il videogioco più seguito al mondo. L’azienda ha fiutato un possibile business e ha rinnovato l’accordo fino al 2023 con la League of Legends European Championship, la massima lega europea del gioco, e gli European Masters.

Lo stesso direttore marketing europeo di KitKat, Georg Fischer, sottolinea il potenziale del settore dei videogiochi.
Il potenziale per i marchi non endemici negli esport e nei videogiochi è variegato e ancora perlopiù inesplorato“.

WILSON – NBA

Il brand di abbigliamento sportivo Wilson si legherà come fornitore ufficiale del pallone utilizzato nelle partite della NBA 2K League, il torneo virtuale che viene giocato sull’omonimo gioco prodotto da 2K Games. In questo modo acquista molta visibilità non solo in ambito sportivo, ma anche esportivo, un mondo dove i giovani sono più presenti rispetto all’offline.

Un caso ancora più eclatante di investimento è quello del gruppo giapponese Marubeni Corporation, società che commercia beni di consumo eterogenei. L’azienda ha stanziato 17 milioni di dollari di finanziamenti per l’organizzazione esport Fnatic, per aiutarla a espandersi nel mercato orientale.

I calciatori, infine, sono sempre più legati al mondo dei videogiochi, come Harry Maguire, ambasciatore del marchio Semper Fortis Esports, molto attivo nei tornei di Rocket League. Il difensore dovrà interagire con i tifosi di Semper Fortis Esports e metterà la sua conoscenza dello sport al servizio dell’organizzazione. I calciatori sono facili prede per le organizzazioni esport perchè spesso sono amanti del mondo del gaming.

lascia un commento

Your email address will not be published.