Lamborghini esports: al lancio la seconda edizione di The Real Race

Lamborghini esports: al lancio la seconda edizione di The Real Race

La casa automobilistica Lamborghini rinnova il suo interesse nel mondo esport. Al lancio la seconda edizione di The Real Race.

Lamborghini The Real Race

Ma di cosa si tratta? The Real Race è una competizione mondiale di esports per giocatori di ogni livello. Le gare si disputano tramite il videogioco Assetto Corsa Competizione, un prodotto tutto italiano della casa di produzione Kunos Simulazioni. Quest’anno The Real Race avrà luogo a livello globale per permettere a tutti i piloti di potersi qualificare attraverso 3 diversi ranking regionali.

3 regioni per 10 gare. Per ogni settimana di corse si terranno delle qualifiche in gioco. I migliori scaleranno i loro rispettivi ranking regionali verso il fine settimana, quando si terrà una sorta di gara finale. Un torneo globale insomma, guidato dalle community di 3 regioni (America, Europa e Africa, Asia) che premieranno il miglior pilota regionale dopo 10 settimane di competizioni serrate.

Una competizione unica grazie alla quale si potrà scendere realmente in pista, alla fine. Per la seconda stagione, Lamborghini inviterà il miglior pilota di ogni regione ad una esperienza completamente pagata nel quartier generale a Sant’Agata Bolognese. Si seguirà un tour completo della fabbrica e si potranno seguire i piloti ufficiali di Lamborghini Squadra Corse. Inoltre i piloti virtuali potranno guidare una vera Lamborghini su circuito. Ma non è finita: alla fine dell’esperienza uno dei 3 vincitori riceverà l’opportunità di diventare un pilota virtuale ufficiale di Lamborghini per il 2022.

Con oltre 2500 piloti provenienti da 109 Paesi, la prima edizione di The Real Race, disputatasi l’anno scorso, è stata considerata un successo. Non stupisce quindi che il campionato di simulazione organizzato da Lamborghini eSports ritorni per la seconda stagione, con però un nuovo formato globale.

le vetture e la piattaforma

L’edizione di quest’anno prevede tre trofei in Europa, America e Asia come abbiamo spiegato prima. I migliori piloti  gareggeranno alla guida delle Lamborghini Huracán GT3 EVO sempre in via virtuale. Il videogame scelto sarà Assetto Corsa Competizione, utilizzato oltretutto anche da alcuni piloti di Lamborghini Squadra Corse per prepararsi alle competizioni reali. Decisamente non solo un “gioco”

Lamborghini esports, quindi, al lancio con la seconda edizione di The Real Race. Questa nuova edizione sembra voler rafforzare anche l’impegno di Lamborghini nel mondo dei videogame, avendo recentemente debuttato in giochi quali Rocket League e Asphalt 9: Legends, in cui è possibile guidare virtualmente modelli quali la Huracán STO e la Essenza SCV12. Tutto questo sembra una dimostrazione di quanto gli esports stiano entrando sempre più nelle nostre vite e negli interessi di grandi marchi degli sport dal vivo.

Le novità di Lamborghini the real race

Dopo la prima edizione del 2020, vinta dal tedesco Nils Naujoks, da quest’anno Lamborghini adotterà un nuovo approccio per The Real Race. I piloti delle varie regioni correranno sia nei Gran Premi tradizionali sia in tre gare endurance, che consentiranno loro di ottenere punti per le classifiche regionali.

La macchina prescelta sarà la Lamborghini Huracán GT3 EVO, vettura che per ben tre volte si ha vinto la 24 Ore di Daytona. Lamborghini, per l’occasione, ha disegnato una livrea da corsa esclusiva personalizzabile dai partecipanti in 12 versioni diverse, e arricchita dai loghi dei partner.

sì, ma quando?

Il trofeo avrà luogo da giugno a novembre. I piloti di tutto il mondo, come chiarito dalla stessa Lamborghini, potranno iscriversi alle qualificazioni aperte. I primi 40 giocatori classificati nelle qualificazioni accederanno alle qualifiche del sabato dove i migliori 20 si sfideranno in The Real Race la domenica, gareggiando due volte sullo stesso circuito.

I dieci turni di qualificazioni settimanali consentiranno ai partecipanti di ottenere punti per la rispettiva classifica regionale determinando i tre campioni. 

Gli esport sono un settore in cui vogliamo avere un ruolo importante

Questo ci dice Federico Foschini, Chief Marketing & Sales Officer di Lamborghini. È un evento di sei mesi che permette ai piloti virtuali di sperimentare le emozioni di una vera gara. Tutti i piloti si troveranno a dover fronteggiare alcuni tra i migliori sim-drivers del mondo. Una sfida decisamente stimolante per gli amanti del genere. Soprattutto se si pensa al premio in palio ed alla possibilità di una carriera negli esports a tema motori. Sareste pronti a mettervi al volante? Fatecelo sapere nei commenti e non perdetevi la competizione in arrivo!

lascia un commento

Your email address will not be published.