Valorant: numeri da record per il titolo di Riot Games

Valorant: numeri da record per il titolo di Riot Games

Numeri da record per Valorant di Riot Games, che doveva essere l’antagonista dichiarato di Overwatch. Ci è riuscito?

Chi ben comincia…

Era prevedibile che il nuovo titolo di Riot Games avrebbe viaggiato col vento in poppa, se ci aggiungiamo anche una beta da record e un lancio globale di successo, capiamo benissimo come Valorant sia diventato uno degli sparatutto in prima persona più importanti e giocati su PC. Qui però, Valorant ha avuto numeri da record come titolo di Riot Games.

Doveva essere l’antagonista di Overwatch e in effetti così è stato. Valorant vede ogni mese in media 14 milioni di giocatori che si collegano da tutto il mondo con circa mezzo miliardo di partite giocate. Certo, è difficile dire quanto sia effettivamente merito di Riot Games e quanto demerito di Blizzard Entertainment, azienda che in molti vendono sempre più prossima all’implosione.

Per chi non sapesse di cosa stiamo parlando, si tratta di un gioco free-to-play che mette una contro l’altra due squadre da cinque giocatori con l’obiettivo di vincere una serie di scontri a fuoco, attaccanti contro difensori, al meglio di 24 round. E nel corso del primo anno, come ricordato poco fa, i giocatori hanno disputato più di mezzo miliardo di partite di un gioco cui ormai i personal computer paiono stare stretti. Ecco perché in occasione delle celebrazioni del suo primo compleanno, l’editore ha annunciato l’intenzione di portare il gioco anche su mobile.

Esport?

A meno di un anno dal debutto del titolo, Riot ha anche organizzato il Valorant Champions Tour per supportare e incrementare la crescente scena competitiva del gioco negli esports. Si tratta di un circuito di esport globale della durata di un anno con tre livelli di competizione: Challengers, Masters e Champions.

Il secondo evento più importante del Valorant Champions Tour 2021, nonché il primo torneo internazionale di Valorant, la fase 2 dei Masters del VCT, si è conclusa la settimana scorsa a Reykjavík in Islanda. Se andiamo a vedere i dati, lo scontro finale tra Sentinels e Fnatic (le due squadre finaliste) ha avuto un picco di oltre 1 milione di spettatori in contemporanea, con una media di oltre 800.000 spettatori al minuto. Una cosa decisamente non da poco per un titolo che ha appena un anno di età.

Pronti a festeggiare?

Visto l’arrivo del primo compleanno di Valorant, Riot Games ha organizzato un mese di festeggiamenti dedicati ai fan ed ai giocatori di Valorant. Verranno regalate ai membri della community internazionale del titolo iniziative e ricompense di gioco. Nel corso del mese di giugno, per celebrare l’occasione, la community di Valorant riceverà regali digitali commemorativi tra cui una carta giocatore riscattabile e un pass evento gratuito.

Inoltre, come già accennavamo prima, Riot Games ha annunciato in occasione di questo primo compleanno di voler espandere il proprio bacino d’utenza anche su mobile.

Cosa ne pensate voi lettori? Noi non possiamo che fare i nostri migliori auguri a Valorant sperando proseguano sulla strada giusta che sembrano avere intrapreso.

lascia un commento

Your email address will not be published.