Review NFL Draft 2021: i migliori e i peggiori

Review NFL Draft 2021: i migliori e i peggiori

Dopo tre mesi di attese, pronostici e smokescreens l’NFL Draft 2021 si è consumato, velocemente, nell’arco di tre serate. Come ogni anno le sorprese e le emozioni non sono mancate. Per mettere una definitiva pietra sopra all’evento ecco una review del NFL Draft di quest’anno che, tra le altre cose, riporterà le squadre che si sono mosse meglio e alcuni giocatori che potranno essere considerati le steal.

Review Nfl Draft: le 3 regine

Nonostante siano molte le squadre che si sono mosse bene nella 3 giorni di Cleveland dell’ultimo weekend, vediamo nel dettaglio le 3 squadre che, secondo il parere della redazione, escono come vincitrici dal Draft di quest’anno. Chiaramente i giudizi sono stilati sulla carta e in base al potenziale che mostrano i vari giocatori scelti. L’ordine delle squadre è sparso.

Chicago Bears. La trade up alla 11 per selezionare Justin Fields, Qb in uscita da Ohio State dal talento e dal potenziale enorme, ha stravolto completamente le aspettative della franchigia dell’Illinois. Una mossa azzardata ma necessaria che potrà riscrivere il futuro dei Bears. Nel secondo round, poi, Chicago ha selezionato uno dei migliori tackle offensivi disponibili: Teven Jenkins, vero e proprio mastino in uscita da Oklahoma State. Già solo queste due pick fanno del draft dei Chicago Bears uno dei migliori dell’anno.

Cleveland Browns. Dall’arrivo del GM Andrew Berry e dell’Head Coach Kevin Stefanski, i Browns sembrano essersi scrollati l’etichetta di losers che li accompagnava ormai da troppo tempo. Ciò è stato possibile non solo grazie ai risultati sul campo ma anche grazie a delle offseason oculate e intelligenti. Nel draft di quest’anno, Cleveland ha trovato un ottimo CB alla 26, selezionando Greg Newsome da Northwestern che andrà a migliorare il livello di una secondaria un po’ troppo leggera l’anno scorso. La scelta di Jeremiah Owusu-Koramoah, LB di Notre Dame, alla 52, è un vero e proprio steal se il giocatore supererà i problemini fisici che hanno fatto preoccupare gli scout. E poi ancora il WR Anthony Scwhartz e l’OT James Hudson aggiungono profondità di qualità in due reparti molto preziosi. Infine intriga la scelta di Tommy Togiai, DT di Ohio State scelto nel 4° round.

Carolina Panthers. Che bel draft per Carolina! Prima selezionano uno dei migliori CB disponibili: Jaycee Horn, in uscita da South Carolina. Poi regalano giocatori al nuovo QB Sam Darnold: Terrace Marshall Jr (LSU), uno dei migliori ricevitori della classe; Brady Christensen (BYU), solido OT che rinforza la linea d’attacco; Tommy Tremble (Notre Dame) e Chuba Hubbard (Oklahoma St.), TE e RB che potrebbero rivelarsi dei veri e propri colpacci se calati nel contesto giusto. Nei giri conclusivi, bellissima la pick del DT di Iowa Daviyon Nixon, inspiegabilmente precipitato fino al quinto round; così come quella della OG Deonte Brown (Alabama) che, se riesce a gestire i problemi legati al suo peso, potrà davvero diventare dominante.

Le pick più intriganti del primo giro, tolti i fenomeni

Offense. Alla 27 i Baltimore Ravens hanno scelto il WR di Minnesota Rashod Bateman. Scelta che intriga perché era proprio l’arma che serviva a Lamar Jackson e all’OC Greg Roman per provare a far fare il salto di qualità alla offense di Baltimore. Un fisico imponente, 188 cm per 95 kg, che permette al ricevitore di dominare spesso e volentieri i corner avversari, soprattutto sulle palle 50-50. Giocatore veloce e abilissimo nel route running, qualità che gli permettono di liberarsi quasi sempre in profondità. In poche parole quello che Lamar cercava da 3 anni. Vedremo quanto e se Bateman inciderà dal day 1.

Defense. La storia di Jaelan Phillips è la classica storia romantica del Draft, come se ne vedono ogni anno. Phillips ha iniziato la sua carriera a UCLA salvo poi ritirarsi dopo un anno, nel 2018, in seguito alle conseguenze riportate dopo essere stato investito da una macchina. Nel 2020, però, torna a giocare per i Miami Hurricanes: la stagione è stellare e il potenziale dimostrato appare sconfinato. Vederlo nella difesa dei Miami Dolphins, cresciuta moltissimo nelle ultime stagioni grazie a Brian Flores, non può far altro che aumentare l’hype intorno a questo talento.

Review NFL Draft: 3 potenziali steal

Joseph Ossai, Edge, Cincinnati Bengals. Con la 69° assoluta, Cincinnati ha selezionato il feroce edge rusher di Texas Joseph Ossai. L’OLB dei Longhorns quest’anno è letteralmente esploso, regalandosi una stagione da protagonista. Edge dotato di grandissimo atletismo e un istinto molto sviluppato, nonostante sia ancora molto da sgrezzare. Al fianco di giocatori come Trey Hendrickson e Sam Hubbard potrà crescere bene.

Micheal Carter, RB, New York Jets. Bravi e fortunati i Jets che hanno aspettato a selezionare il running back che gli serviva. A inizio 4° round, infatti, con la scelta numero 107, Joe Douglas ha preso Michael Carter, back che ha fatto le fortune dei North Carolina Tar Heels nelle ultime stagioni insieme a Javonte Williams. Giocatore polivalente, molto abile nello smarcarsi per ricevere fuori dal backfield, Carter potrebbe sposarsi molto bene con il neo compagno di squadra La’Mical Perine (scelto dai Jets l’anno passato).

Jamar Johnson, S, Denver Broncos. Rivoluzione della secondaria per i Broncos, che aggiungono profondità dietro a Kareem Jackson e Justin Simmons. Dopo aver scelto l’interessante Caden Sterns da Texas alla 152, solo dodici picks più tardi il GM Paton è tornato su una safety selezionando Jamar Johnson da Indiana. Giocatore molto abile nella lettura contro con le corse e da sviluppare in copertura, per la quale comunque è più che portato. Manca un po’ di rapidità e velocità nel profondo. Il talento c’è e dietro due maestri come Simmons e Jackson potrà venir su bene.

lascia un commento

Your email address will not be published.