Storie di GP: Imola 2005 è…Alonso vs Schumacher

Storie di GP: Imola 2005 è…Alonso vs Schumacher

Il duello “Alonso vs Schumacher” si è protratto per tutta la durata della stagione 2006. La sfida tra i due però, ha origini ben più radicate. Tutto nasce l’anno precedente, in un indimenticabile GP di San Marino.

PREAMBOLO

Ferrari si presenta all’inizio della stagione 2005 da campione del mondo. Il pilota di punta della “Rossa” è niente di meno che Michael Schumacher, fresco vincitore del suo settimo titolo mondiale. Ad assisterlo ci sarà invece Rubens Barrichello.

Se Ferrari è dunque la grande favorita per la vittoria finale, Renault è invece un Team solido in cerca di ulteriori conferme. Negli anni appena precedenti aveva conquistato pole position, podi e vittore, ma mai si era spinta oltre. Il 2005 doveva essere l’anno della consacrazione.

IL CIRCUITO

Il GP di San Marino nasce, per volontà di Enzo Ferrari, nel 1981. Scelto il nome del Gran Premio, bisognava ora scegliere il circuito. La decisione ricadde sul circuito di Imola, il quale già in precedenza aveva ospitato gare di F1, seppur non valide ai fini del mondiale.

Quarta tappa del mondiale 2005, fu come una “sentenza”. Già, perché i vinti ne uscirono sconfitti anche in ottica mondiale, mentre i vincitori ebbero solo un assaggio di quello che il destino aveva in serbo per loro.

UNA GARA D’ORGOGLIO

Nonostante la Ferrari fosse la grande favorita, già dai primi appuntamenti del mondiale si capì come invece soffriva problemi di prestazioni. Gli italiani però si sa, quando si tratta di orgoglio nazionale non sono secondi a nessuno. Così, a Imola, riuscirono a tirare fuori una magia, tanto da combattere per la vittoria.

Un GP di San Marino all’insegna della battaglia Alonso vs Schumacher. Già dalle qualifiche si vede come sia Renault ad essere un passo avanti rispetto ai diretti rivali della McLaren; Schumacher invece, al volante di una macchina non competitiva, chiuderà le qualifiche al 14o posto.

In gara parte bene Alonso che non commettendo errori e approfittando dei guasti degli avversari, conquista la testa della corsa. Schumacher si vede invece costretto ad una grande rimonta se vuole guadagnare dei punti: per il sette volte campione del mondo non è un problema. Giro dopo giro, supera gli avversari, avvicinandosi pericolosamente in zona podio.

A soli 16 giri dal termine Michael Schumacher riesce a superare Jenson Button e portarsi in testa alla gara (Alonso era rientrato ai box) ma, in seguito al cambio gomme, lo spagnolo della Renault riuscì a riprendersi la leadership della corsa. A nulla serviranno i plurimi tentativi del ferrarista: Alonso, grazie ad una guida perfetta, vinse il GP di San Marino davanti ad uno strepitoso Michael Schumacher.

L’INIZIO DI UN BIENNIO VINCENTE

Questa gara, questo circuito, furono l’inizio di una accesissima sfida tra Alonso e Schumacher, tra Renault e Ferrari. Un duello che si rinnoverà in maniera ancor più marcata a partire dall’anno seguente. Ferrari fu in entrambi i casi sconfitta, la Renault conquistò due titoli mondiali back-to-back.

Successi indelebili, specie per uno che ha fatto da Team Principal di entrambi i piloti. Stiamo parlando di Flavio Briatore che, alla domanda su chi fosse più forte tra i due, rispose così: “Non lo so! Fernando è spagnolo, ma era meno emotivo rispetto a Michael. Fernando è una sorta di rottweiler… in gara non molla mai” [fonte MotorBox].

Questo è Fernando Alonso, un rottweiler due volte campione del mondo.

lascia un commento