20-05-2007: quando Federer sconfisse Nadal e chiuse la serie di 81 vittorie su terra

20-05-2007: quando Federer sconfisse Nadal e chiuse la serie di 81 vittorie su terra

Il 20 maggio di 14 anni fa Roger Federer e Rafael Nadal si sfidavano in finale ad Amburgo. Lo svizzero si imponeva per 2-6, 6-2, 6-0, era il 1° successo contro il rivale sul mattone tritato; Federer metteva fine alla striscia di 81 vittorie su terra di Nadal.

LA PRIMA VITTORIA SU TERRA ROSSA

Si trattava di una vittoria densa di significati ben più della conquista del torneo. L’elvetico all’epoca era n. 1 incontrastato su cemento ed erba ma non era ancora riuscito a conquistare il Roland Garros per completare il Career Grande Slam. Fino ad allora, infatti, aveva affrontato 5 volte il maiorchino sulla terra battuta, tra cui la semifinale 2005 e finale 2006 del French Open, ma era sempre uscito dal campo sconfitto. Rafa era la sua bestia nera, essendo in vantaggio 7-3 negli h2h e aveva instillato nella mente dello svizzero la famosa “nadalite”, soprattutto dopo la sconfitta a Roma nel 2006 in cui Roger aveva sprecato 2 championships point nel 5° set della sfida.

IL CAMMINO VERSO LA FINALE

Le prime due teste di serie del torneo si affrontavano in finale al termine di un percorso non semplicissimo. Più per Federer che per Nadal. Lo spagnolo cedeva l’unico set (fin lì) del torneo nella semifinale contro l’australiano Hewitt, imponendosi in rimonta 2-6, 6-3, 7-5. Lo svizzero, al contrario, aveva dovuto sudare affrontando specialisti della terra battuta come l’argentino Juan Monaco e gli spagnoli Juan Carlos Ferrero, David Ferrer e Carlos Moya. In 3 dei 4 match, l’elvetico era costretto al 3° e decisivo set.

FEDERER b. NADAL 2-6 6-2 6-0

Il 1° set non lasciava presagire sorprese, Federer perdeva nettamente per 6 a 2 in meno di 40’. Tutti gli indizi facevano pensare all’ennesimo successo del tennista di Manacor, come accaduto un mese prima nella finale di Montecarlo. Federer, però, non era d’accordo e riusciva a mettere la situazione in parità, conquistando il 2° set con un punteggio speculare al 1°. Dopo 1 ora e 23 minuti il match recitava un set pari.

Il 3° set prometteva battaglia e invece, a sorpresa, diventava un monologo svizzero. Roger metteva in mostra tutto il suo repertorio, mentre Nadal sembrava spento e arrancava. Federer non faceva sconti e rifilava un bagel (6-0) in un set durato poco più di mezz’ora. Per lo svizzero si trattava del 3° titolo stagionale, il 4° nella città tedesca, 13° Masters Series e 48° in carriera.

SI CHIUDE LA SERIE DI 81 vittorie su terra

Come detto, Federer metteva fine alla striscia di 81 vittorie su terra di Nadal. Si trattava della più lunga serie di vittorie consecutive su una stessa superficie. Nadal non perdeva su terra rossa da oltre 2 anni, esattamente dall’8 aprile 2005, quando fu fermato nei quarti di finale del torneo di Valencia con il russo Igor Andreev. La striscia era iniziata battendo Monfils a Montecarlo, da lì in avanti Nadal aveva accumulato altre 80 vittorie consecutive che gli erano valse 13 tornei vinti sulla superficie (Montecarlo 2005, Barcellona 2005, Roma 2005, RG 2005, Bastad 2005, Stoccarda 2005, Montecarlo 2006, Barcellona 2006, Roma 2006, RG 2006, Montecarlo 2007, Barcellona 2007, Roma 2007). Secondo in questa particolare classifica Guillermo Vilas, specialista del rosso negli anni ‘70, che si fermò a 53 match di fila tutti nel 1977.

Rafa Nadal’s 81-Match Winning Streak On Clay! 2005-2007 – YouTube

NIENTE DA FARE A PARIGI

Aver finalmente battuto Nadal sulla terra rappresentava una grande iniezione di fiducia per l’elvetico in vista del Roland Garros. Dopo le sconfitte nel 2005 e 2006, Federer puntava a ripetersi nella capitale francese per conquistare l’unico slam che gli mancava ed inseguire il sogno Grande Slam. I due si ritrovarono ancora una volta in finale a Parigi. Tuttavia, le speranze di Roger furono disattese. Lo svizzero si arrese in 4 set (6-3, 4-6, 6-3, 6-4) in un match caratterizzato per le tante opportunità non sfruttate. Ben 16 palle break annullate da Nadal su 17, decisive per rimandare ancora il sogno dello svizzero.

SENZA STORIa SULLA TERRA

Il successo in terra teutonica rimase un lampo isolato, nei successivi 10 incontri sul rosso, lo svizzero riuscì a vincere solo un’altra volta, nella finale di Madrid 2009. Il bilancio delle sfide su terra rossa ad oggi è un eloquente 14-2 in favore di Nadal. Lo spagnolo rimase un tabù a Parigi, 0-6 il bilancio a Bois de Boulogne. Solo 2 anni dopo, nel 2009, lo Swiss Maestro sarebbe riuscito a conquistare lo slam parigino completando l’agognato Career Grande Slam, approfittando della clamorosa sconfitta dello spagnolo per mano dello svedese Robin Soderling.

lascia un commento

Your email address will not be published.