LEGENDARY TEAMS: il CSKA Mosca vincente sotto la guida di Ettore Messina

LEGENDARY TEAMS: il CSKA Mosca vincente sotto la guida di Ettore Messina

In attesa di scoprire chi vincerà l’edizione dell’Eurolega di quest’anno, con l’appuntamento della rubrica Legendary Teams facciamo un salto indietro nel tempo, per l’esattezza nel 2006 e nel 2008: il CSKA Mosca stava entrando nella storia del basket europeo con coach Ettore Messina.

Il Professionalnyj Basketbolnyj klub CSKA è la squadra di pallacanestro più importante e famosa della Federazione Russa, fondata nel 1924 con i caratteristici colori sociali rosso e blu. Il CSKA ha vinto per otto volte l’Eurolega (1960-61, 1962-63, 1968-69, 1970-71, 2005-06, 2007-08, 2015-16 e 2018-19), la massima competizione di basket per club d’Europa.

Sulla scena nazionale CSKA non aveva concorrenti, vincendo quasi tutte le partite del campionato russo. Basti inoltre pensare che ha vinto il titolo nazionale ogni anno dal 1992 al 2000 e ogni anno dal 2003 al 2008. Ora vediamo insieme il cammino europeo della società, dopo anni di digiuno di vittorie.

2006: il CSka mosca torna sul tetto d’europa

Vittoria CSKA Mosca di Ettore Messina Eurolega 2006
Fonte: sito Eurolega

In Europa era uno dei migliori club: nelle tre stagioni precedenti aveva raggiunto le semifinali di Eurolega. Tuttavia, nelle fasi finali la squadra aveva delle lacune tanto da non superare mai le semifinali. Proprio per questo, la società decide di riavviare lo sviluppo del club cambiando l’allenatore, virando su Ettore Messina.

Durante la stagione, grazie ai leader in campo (uno su tutti Theodoros Papaloukas), e in panchina, il CSKA finalmente riesce a superare lo scoglio raggiungendo la finale di Eurolega contro il Maccabi.

Nel 2006, il CSKA si è qualificato per la Top 16, classificandosi al terzo posto nel proprio girone. Sono finiti in cima al loro gruppo Top 16, entrando nella fase finale come unica squadra in grado di concludere la serie dei quarti di finale al meglio delle tre. Successivamente hanno sconfitto il Barça in semifinale, prima di sconfiggere il potente attacco del Maccabi Tel Aviv in finale, anche se, ricordiamo, il record complessivo delle partite del Maccabi con il CSKA Mosca vede come favorito il club israeliano.

Il coach catanese era alla sua prima esperienza con una squadra straniera. Non male se si considera il premio come miglior allenatore della stagione. Il playmaker di Atene vinse il premio di MVP delle Final Four: nelle situazioni chiave non ebbe paura di assumersi la responsabilità conducendo la squadra alla vittoria del titolo. Papaloukas, nelle 21 partite precedenti alle F4 non era mai andato oltre i 16 punti. Ne segnò poi 19 in semifinale ai danni del Barcellona e 18 in finale. Oltre i punti messi a referto aggiunse anche 7 assistenze.

2008: la storia si ripete

Fonte: sito Eurolega

Nel 2007 la squadra russa perde in finale di Eurolega contro il Panathinaikos, così la squadra viene rinforzata acquistando giocatori della Benetton Treviso, Panathinaikos e nel corso della stagione dei Chicago Bulls, mantenendo alla guida Ettore Messina, proprio per riconquistare il titolo sfuggito.

Il cammino in Eurolega è segnato da diverse squadre italiane: Virtus Bologna e Lottomatica Roma, inserita nello stesso girone in top 16.

Tra Ettore Messina e la sua terza Final Four consecutiva ci sarà l’Olympiacos di Yannakis, altra sfida difficile: l’equilibrio tecnico-tattico che ha caratterizzato le prime due, appassionanti, sfide della serie, è rotto con decisione dagli uomini di Messina, autori di una prova maiuscola e meritatamente in Final Four per la sesta volta consecutiva. In semifinale il CSKA Mosca batte il Tau Vitoria: ha vinto sì il più forte, meritatamente, ma i baschi sono stati in grado di giocarsi l’accesso in finale fino agli ultimissimi secondi di una gara che il CSKA ha saputo controllare anche nei momenti difficili grazie alla classe dei singoli, senza mai perdere la testa.

La finale è una replica del 2006: ancora una volta la sfidante è il Maccabi Tel Aviv. Il CSKA è meritatamente campione, ha gli uomini e l’allenatore migliori, dimostrando che per vincere ci vogliono i campioni.

La squadra moscovita conquista la sua sesta coppa continentale (1961, 1963, 1969, 1971 e 2006 le altre cinque), e il tecnico catanese mette nella sua personale bacheca la quarta (1998 e nel 2001 con la Kinder Bologna, nel 2006 con il Cska) venendo eletto miglior coach dell’Eurolega 2007-2008. Ramūnas Šiškauskas venne nominato MVP della regular season, mentre Trajan Langdon fu l’MVP delle Final Four.

Vincendo, il CSKA Mosca sale al secondo posto per titoli europei di alto livello. Solo il Real Madrid, con otto titoli, aveva vinto più dei sei titoli del CSKA all’epoca. Il 14 ottobre 2008 arriva il coronamento di un’annata eccezionale: la squadra ha giocato una partita di preseason NBA contro il Toronto Raptors.

lascia un commento