Analisi Quarti di Finale Playoff LBA 2021

Analisi Quarti di Finale Playoff LBA 2021

Si chiude il primo turno ed è tempo di tirare le somme. Andiamo a tracciare, con l’aiuto delle stats, un’analisi dei Quarti di Finale di questi Playoff LBA 2021.

Quarti di Finale

A|X Olimpia Milano 3 – 0 Dolomiti Energia Trento

La capolista brilla e ottiene la qualificazione alle semifinali con un netto 3-0. Sconfitte che non cancellano quanto di buono mostrato da Trento che, nonostante l’evidente divario tecnico e un roster molto corto, ha saputo stare in gara per molti tratti nelle tre sfide.

Milano perde in Gara-1 Shavon Shields e allora l’MVP della serie se lo aggiudica l’ex Riccardo Moraschini, che a Trento ha trovato molta sfortuna, ma da avversario negli anni successivi l’ha spesso punita. Un’analisi di questi Quarti di Finale dei Playoff LBA dimostra come Moraschini sia il giocatore milanese con la valutazione media sulle tre gare più alta (20) e ha chiuso con 12.3 punti (dietro solo a Punter), 6.7 rimbalzi e 1.7 palle recuperate di media (in entrambe le voci è primatista tra i suoi). Sotto la voce degli assist spicca il Chacho Rodriguez con 5 assist di media.

Ci teniamo a segnalare dall’altra parte l’ennesima conferma di JaCorey Williams che, dopo una stagione regolare da assoluto protagonista, ha saputo tenere testa a un centro esperto come Kyle Hines. Per lui 14.3 punti di media e 7.3 rimbalzi di media.

IL RECAP DELLA SERIE

GARA-1: A|X OLIMPIA MILANO 88 – 62 DOLOMITI ENERGIA TRENTO

GARA-2: A|X OLIMPIA MILANO 93 – 79 DOLOMITI ENERGIA TRENTO

GARA-3: DOLOMITI ENERGIA TRENTO 65 – 74 A|X OLIMPIA MILANO

Happy Casa Brindisi 3 – 0 Allianz Trieste

Serie con poche sorprese per quanto visto in stagione regolare, ma è di certo una novità vedere i colori di Brindisi in una semifinale scudetto. Questa è, infatti, la prima vittoria della sua storia in una serie playoff, che gli consente l’accesso alla spettacolare sfida contro la Virtus Bologna. Prime due gare senza storia, nelle quali i triestini sono stati surclassati dai ragazzi di coach Vitucci. In Gara-3 però Trieste vende cara la pelle nel tentativo di uscire dalla serie a testa alta, e Brindisi riesce a imporsi per soli 2 punti, grazie alla decisiva schiacciata di Perkins a 9 secondi dalla fine.

Difficile scegliere l’MVP della serie tra i due uomini chiave di questa squadra: Derek Willis (23.3 di valutazione media) e Darius Thompson (19.3 di valutazione media). Il primo viaggia sulle tre gare con una media di 13 punti, 8.7 rimbalzi e 2 palle recuperate. Il secondo invece con 9.3 punti, 5.3 assist e 2.3 palle recuperate. Menzione d’onore per Nick Perkins, senza il quale la squadra non sarebbe stata la stessa, che ha fatto registrare ben 15.3 punti (il dato più alto tra i suoi) e 8 rimbalzi di media.

Il Recap della Serie

GARA-1: HAPPY CASA BRINDISI 85 – 64 ALLIANZ TRIESTE

GARA-2: HAPPY CASA BRINDISI 86 – 54 ALLIANZ TRIESTE

GARA-3: ALLIANZ TRIESTE 77 – 79 HAPPY CASA BRINDISI

Virtus Bologna 3 – 0 De’ Longhi Treviso

La Virtus si aggiudica i Quarti di Finale dei Playoff, nonostante una serie meno scontata di quello che si potesse pensare sulla carta. Treviso lotta fino in fondo, dimostrando a tutti che non è arrivata fin qui per caso. In Gara-1 i trevigiani cedono solo nel secondo tempo, grazie soprattutto a un Pajola monumentale in difesa. La seconda sfida si decide solamente nelle battute finali, con Treviso che era riuscita a recuperare uno svantaggio di 15 punti. I ragazzi di coach Menetti forzano invece all’overtime Gara-3, nonostante uno strepitoso terzo quarto della Virtus che non era partita nel migliore dei modi.

MVP di Gara-3, senza ombra di dubbio, Alessandro Pajola (valutazione media 14.3), protagonista della nostra rubrica “Occhi puntati su…“. Il classe 1999 mette a segno 25 punti (con 6/7 da 3 punti) e 7 assist. Per valutazione il migliore tra le fila emiliane è Milos Teodosic (22.3), che ha viaggiato con una media di 14.3 punti e 8 assist a partita (il dato più alto dei playoff fino ad ora). Fondamentali sono stati anche i punti di Marco Belinelli (16.7 PPG) e le giocate di Giampaolo Ricci.

Treviso si difende con il suo lungo Christian Mekowulu, che è il giocatore con la valutazione media più alta della serie (25.3), grazie alle sue statistiche che dicono 17 punti, 7.3 rimbalzi e pure 1.7 palle recuperate a partita. Importante anche l’esperienza di David Logan: dalle sue mani escono la maggior parte dei punti dei trevigiani.

IL RECAP DELLA SERIE

GARA-1: VIRTUS BOLOGNA 91 – 72 DE’ LONGHI TREVISO

GARA-2: VIRTUS BOLOGNA 88 – 83 DE’ LONGHI TREVISO

GARA-3: DE’ LONGHI TREVISO 100 – 105 VIRTUS BOLOGNA

Umana Reyer Venezia 3 – 2 Banco di Sardegna Sassari

È stata la serie più equilibrata e di conseguenza più avvincente quella giocata tra la quarta e la quinta forza della stagione regolare. Venezia va in vantaggio 2-0 nella serie ma in Sardegna si fa rimontare. In Gara-5 Sassari sembra avere la partita mano ma butta via tutto alla fine. Ora sulla loro strada i veneti troveranno l’Olimpia Milano.

Ogni gara della serie ha avuto diversi protagonisti, ma la sfida è tutta italiana tra Marco Spissu e Stefano Tonut. Quest’ultimo mette a segno l’importantissima tripla del 92-91 in Gara-5. Tonut è anche il giocatore di Venezia con la media punti e assist più alta sulle 5 gare (14.6 – 3.6) oltre a 1.4 palle rubate a partita. Il futuro MVP del campionato ha siglato in Gara-2 il record personale di punti in una gara playoff (25) e sfiorato il suo record individuale di sempre (27, registrato quest’anno in regular season contro Treviso). L’MVP di Gara-1 Jeremy Chappell è invece quello con la media rimbalzi più alta (6.4). Sassari esce a testa alta, nonostante si sia quasi eliminata da sola, con Bendzius miglior realizzatore con una media punti di 16.2 e miglior rimbalzista insieme a Burnell (6.2). Per Spissu 13.3 punti, 4.6 assist e 1.4 palle recuperate a partita. Il playmaker sardo in Gara-4 mette a segno 20 punti, non era mai andato oltre i 17 nei playoff.

IL RECAP DELLA SERIE

GARA-1: UMANA REYER VENEZIA 92 – 91 BANCO DI SARDEGNA SASSARI

GARA-2: UMANA REYER VENEZIA 83 – 78 BANCO DI SARDEGNA SASSARI

GARA-3: BANCO DI SARDEGNA SASSARI 75 – 60 UMANA REYER VENEZIA

GARA-4: BANCO DI SARDEGNA SASSARI 86 – 73 UMANA REYER VENEZIA

GARA-5: UMANA REYER VENEZIA 93 – 91 BANCO DI SARDEGNA SASSARI

lascia un commento

Your email address will not be published.