I Sixers perdono la serie contro gli Hawks: la fine di ‘The process’?

I Sixers perdono la serie contro gli Hawks: la fine di ‘The process’?

Dopo una serie spettacolare e combattuta, gli Hawks hanno vinto gara 7 al Wells Fargo Center. I Sixers, che hanno dato l’idea di poter vincere la serie in molti momenti, escono dai Playoff NBA nell’anno che sembrava essere buono per il titolo. Dopo questa umiliazione, la prossima estate vedrà probabilmente diversi cambiamenti a Philadelphia, con molti giocatori che rischiano il posto o vogliono andarsene.

L’incognita numero uno: Ben simmons

La serie contro gli Hawks ha evidenziato molti lati negativi del giocatore australiano. Nonostante la discreta difesa su Trae Young, l’impatto offensivo di Simmons nella serie è stato nullo, soprattutto nei finali. Lo spacing di Simmons è inesistente, ma questo non giustifica l’assenza del giocatore nella metà campo offensiva. In 7 partite la prima scelta del 2016 è andato solo 3 volte in doppia cifra nei punti e questo non è ammissibile per un giocatore pagato 30 milioni all’anno. Oltre a questo, nei 7 ultimi quarti della serie contro Atlanta, Simmons si è preso 5 tiri totali, evitando anche i tiri ad alta percentuale.

Il problema più evidente che però è emerso contro gli Hawks è la percentuale ai liberi di Ben, che è scesa drasticamente. Simmons in gara 5 ha tirato addirittura 4 su 14 dalla lunetta e Atlanta ne ha prontamente approfittato. Il playmaker australiano non ha ovviamente solo aspetti negativi nel suo gioco, ma questa serie ha fatto vedere l’impossibilità di costruire un progetto vincente attorno a lui e a un centro come Embiid. L’obiettivo numero uno della dirigenza dei Sixers sarà trattenere il centro camerunense e Simmons dovrà probabilmente essere sacrificato.

il resto del roster e coach rivers

I problemi di Phila non riguardano però solo Ben Simmons. La squadra ha dato l’impressione di non gestire la pressione, nonostante la presenza di giocatori esperti come Curry o Howard. Coach Rivers non è riuscito a dare la svolta necessaria per avere risultati anche ai Playoff, bissando la delusione ottenuta con i Clippers lo scorso anno. Anche la sua permanenza il prossimo anno è in bilico, dato che dopo un’uscita così amara dai Playoff nessuno può essere sicuro del posto.

I giocatori dei Sixers che si sono salvati nella disfatta sono Harris e Embiid, le due star su cui costruire il futuro della franchigia. Il primo ha dato grande continuità offensiva, con diversi palloni pesanti giocati al meglio. Embiid invece ha dominato la serie nel pitturato ma ha effettuato diversi errori negli ultimi minuti delle partite, con gestioni sconsiderate. La palla persa in gara 7 contro Gallinari non è ammissibile per un giocatore del suo calibro e della sua fisicità. Questa estate sarà il momento della verità per i Sixers, che dovranno capire in che modo raggiungere l’obiettivo di ‘The process‘.

lascia un commento

Your email address will not be published.