Può essere l’anno giusto per i Milwaukee Bucks?

Può essere l’anno giusto per i Milwaukee Bucks?

Nella bolla di Orlando la più grande delusione della Eastern Conference fu senza dubbio la squadra guidata da Antetokounmpo. I Bucks infatti persero malamente al secondo turno dei playoff NBA contro i Miami Heat, mostrando delle lacune preoccupanti soprattutto in attacco. Gli arrivi di Holiday e Forbes la scorsa estate hanno aperto il campo, dando al greco la possibilità di dominare nel pitturato e i risultati, per ora, sono arrivati. Gli stessi Heat che un anno fa sconfissero i Bucks 4-1, quest’anno sono stati annichiliti da Giannis e compagni, in una serie senza storia.

la serie contro miami

La prima partita della serie contro gli Heat ha fatto tornare in mente ai tifosi di Milwaukee i fantasmi della scorsa stagione. La difesa di Miami ha ingabbiato Antetokounmpo, che ha sofferto terribilmente la fisicità di Ariza e Adebayo. Solo un canestro incredibile di Middleton allo scadere del supplementare è riuscito a rompere l’equilibrio in favore dei Bucks. Proprio questo canestro sembra aver sbloccato la testa dei giocatori di Milwaukee, che hanno dominato le tre partite successive con 26 punti medi di scarto a partita.

Il vero punto di forza di Milwaukee è una difesa soffocante, che toglie ritmo alla squadra avversaria. Herro e Robinson, due giocatori fondamentali nella cavalcata dell’anno scorso per gli Heat, sono stati arginati e resi innocui dagli esterni dei Bucks. Inoltre Butler non è mai entrato nella serie, perdendo su tutti i fronti il duello a distanza con Giannis. Togliendo ritmo all’attacco avversario, ha trovato ritmo l’attacco di Milwaukee, con i tiratori che hanno dominato la serie sugli scarichi di ‘The Greek freak‘. Il giocatore che ha dato un grande contributo offensivo è stato Forbes, che tra gara 2 e gara 4 ha realizzato 18 punti di media a partita, con percentuali incredibili da 3 punti (52% nelle ultime tre partite).

il proseguimento dei playoff

Salvo incredibili sorprese, i prossimi avversari dei Bucks saranno i Nets di Irving, Durant e Harden. Per arrivare al titolo la squadra di coach Budenholzer dovrà sconfiggere la grande favorita di quest’anno, guidata da 3 giocatori sensazionali. Nonostante il grande talento, Milwaukee ha però dimostrato di poter sconfiggere Brooklyn. Le chiavi della serie per Milwaukee saranno principalmente due: la difesa e Giannis Antetokounmpo. Se la squadra del Wisconsin riuscirà a tenere basso il punteggio e a non concedere la transizione ai Nets, allora avrà diverse possibilità di vittoria. L’unico modo per rendere vulnerabile la squadra di Steve Nash è difendendo forte su ogni possesso, cercando di levare il ritmo alle tre stelle.

Il vero giocatore che però può trascinare i Bucks alla vittoria è ovviamente Giannis. I Nets in regular season hanno deciso di battezzarlo e di fargli prendere più scelte possibili. Se il greco saprà tenere alta la concentrazione, senza farsi innervosire, potrebbe dominare la serie nel pitturato degli avversari. Dopo un’eventuale vittoria coi Nets, Milwaukee avrebbe una grandissima chance per arrivare fino in fondo, con molte più consapevolezze. Non si può sapere se quest’anno sarà quello buono per i Bucks di Giannis, ma ci sono tutte le premesse per poter sognare di arrivare all’anello.

lascia un commento

Your email address will not be published.