OCCHI PUNTATI SU: Nicolas Claxton

OCCHI PUNTATI SU: Nicolas Claxton

I Brooklyn Nets quest’anno puntano al titolo NBA e sembrano essere i favoriti ad est per arrivare in finale. Nonostante il roster di inizio anno fosse già di livello, la trade per arrivare a James Harden rappresenta un all-in per vincere subito. Uno dei comprimari che si sta rivelando molto importante nelle rotazioni di Nash è senza dubbio Nicolas Claxton.

il college e l’arrivo in nba

Dopo essersi fatto notare alla Legacy Carter School, Claxton nel 2017 arriva ai Georgia Bulldogs. Il primo anno del lungo proveniente da Greenville non è eccezionale: infatti gioca pochi minuti e non riesce ad esprimere al meglio il suo potenziale. La seconda stagione di Claxton al college invece è decisamente più incisiva. Nonostante la squadra chiuda la stagione con un record di 11-21, Claxton riesce a farsi notare dagli scout NBA. Gioca infatti 32 minuti a partita, collezionando 14 punti e 8.6 rimbalzi di media a partita, con ottime percentuali dal campo.

Al Draft del 2019 i Nets riescono ad aggiudicarselo con la scelta numero 31. Nella sua prima stagione in NBA il rookie da Georgia non trova molto spazio e un infortunio al tendine lo fa addirittura finire nella squadra della G-League dei Nets. Nelle 15 partite NBA giocate colleziona soltanto 12 minuti a partita, senza far vedere il talento dimostrato nel suo secondo anno al college.

La stagione attuale e il ruolo nel roster

Anche la sua seconda stagione NBA non inizia nel migliore dei modi. Fino a metà febbraio Claxton non vede il campo, oscurato dalla presenza di Deandre Jordan e dalla sua prima stagione non eccezionale. Il 23 febbraio però arriva l’esordio stagionale contro Sacramento e da lì Claxton si ritaglia uno spazio nel roster di Brooklyn. Le sue doti sono perfette per ciò che serve ai Nets. Claxton è un lungo estremamente mobile, in grado di cambiare su qualsiasi blocco e di correre in contropiede, per sfruttare la lentezza dei centri avversari. Nonostante sia decisamente leggero per giocare come centro, riesce a dare una buona presenza in area, con una stoppata e mezzo a partita.

In una squadra piena di attaccanti fenomenali con la palla in mano, Claxton garantisce atletismo e difesa, senza avere alcuna pretesa in attacco. Nelle ultime settimane Brooklyn ha firmato Aldridge e Griffin, ma l’unico centro che sembra essere sicuro del posto in vista dei Playoff è Claxton. Con lui in campo i Nets riescono a difendere meglio e prendono ritmo in attacco: inoltre Harden si trova a meraviglia con l’ex Georgia, essendo un giocatore molto simile a Clint Capela. La grande dedizione, abbinata a mezzi atletici formidabili, rendono Claxton un giocatore molto interessante, che può avere un futuro luminoso nella NBA.

lascia un commento

Your email address will not be published.