Sta nascendo il nuovo Tottenham all’italiana di Fabio Paratici

Sta nascendo il nuovo Tottenham all’italiana di Fabio Paratici

A Londra sta nascendo il nuovo Tottenham di Fabio Paratici. L’ex direttore sportivo della Juventus si è da poco accasato nel nord della capitale inglese e ha già messo gli occhi su diversi talenti della Serie A.

Le prime mosse di Paratici

Paratici per prima cosa ha iniziato a svecchiare la rosa e ha messo fine a dei prestiti poco fruttuosi dello scorso anno. Il primo a lasciare l’Inghilterra è stato il redivivo Gareth Bale che ha fatto ritorno in Spagna, lo hanno seguito Foyth e Lamela che si sono accasati rispettivamente a Villareal e Siviglia. Dopo di loro Vinicius ha fatto ritorno al Benfica, Gazzaniga al Fulham e negli ultimi giorni l’esperto Alderweireld è partito per il Qatar per una cifra intorno ai 15mln.

Il mercato in entrata di Paratici

Il dirigente italiano, in accordo con il nuovo tecnico Nuno Espirito Santo, ha deciso di investire pesantemente sul gioiellino spagnolo Bryan Gil. Il Siviglia ha richiesto 30mln per il classe 2001 e il Tottenham non ha battuto ciglio, soldi cash e Lamela come contropartita per chiudere l’accordo. Paratici ha poi messo gli occhi sui talenti del nostro campionato e il primo colpo che ha chiuso è stato Pierluigi Gollini. Il portiere ex Atalanta è arrivato in prestito con diritto e andrà a giocarsi il posto con l’esperto Lloris. Ora gli Spurs hanno messo nel mirino il “Cuti” Romero e l’accordo sembra vicino. La cifra richiesta dai bergamaschi è molto alta, circa 55 mln, ma il club londinese è pronto a un grande sacrificio per portare a casa il centrale argentino.

La coppia Kane-Son si sgretola?

I due grandi trascinatori degli Spurs di questi ultimi anni sono stati indubbiamente Heung-Min Son e Harry Kane. Nella scorsa stagione si sono scambiati assist a ripetizione diventando una delle migliori coppie offensive d’Europa ma ora le cose stanno per cambiare. Kane è stato chiaro “senza Champions me ne vado”. Le cose sono andate male e il Tottenham di Mou, nonostante avesse il capocannoniere e miglior assist man del campionato in rosa, non è riuscito a centrare l’obiettivo. Ora dopo Euro 2020 le possibilità di rivedere Kane con gli Spurs è veramente minima e il City è in agguato con un offerta record da oltre 100mln. Paratici ha dovuto fare una scelta e ha puntato tutto sul rinnovo del koreano che ha accettato firmando da protagonista fino al 2026.

Ora manca ancora un mese di mercato e crediamo che Paratici farà grandi colpi… chissà su cui punterà come nuovo 9 con i soldi della cessione di Kane. Vi buttiamo lì due nomi: il primo è Dusan Vlahovic che per caratteristiche potrebbe trovarsi bene in Premier, il secondo è Raul Jimenez che ritroverebbe il suo mister degli Wolves e farebbe finalmente un salto di qualità importante.

lascia un commento