Felipe Anderson, il ritorno del brasiliano alla corte di Sarri

Felipe Anderson, il ritorno del brasiliano alla corte di Sarri

Felipe Anderson torna alla Lazio, il brasiliano è il primo grande colpo dell’estate biancoceleste. L’ala classe ’93 torna a Roma, 3 anni dopo il suo passaggio in Premier, e lo fa per la cifra irrisoria di 3mln e il 50% sulla futura rivendita. Il ragazzo non ha rispettato le grandi aspettative che aveva creato in Italia, ma resta un giocatore di qualità e siamo sicuri avrà tanta voglia di riscattare gli ultimi 2 anni.

Il primo Felipe Anderson

Il brasiliano ha giocato alla Lazio per 5 stagioni facendo innamorare tutti con le sue accelerazioni dirompenti e il suo 1vs1 letale. La sua stagione 2014-15, sotto la guida di mister Pioli, lo aveva lanciato come astro nascente del calcio brasiliano, un anno dopo era anche riuscito a vincere l’oro olimpico con la maglia verdeoro. Dopo le grandi stagioni vissute in Italia, Lotito decise di cedere alle avances e nel 2018 Felipe passò al West Ham per 38 milioni di euro.

buon inizio e lento declino

Il brasiliano arrivato in Premier, con la pressione del grande investimento sulle spalle, partì in sordina ma chiuse la stagione con 10 gol in 36 presenze. Bottino niente male per un esterno alla prima stagione nel campionato più competitivo del mondo. Il secondo anno le cose si fecero molto più complicate e, tra infortuni e momenti no, Felipe mise insieme circa 25 presenze segnando solo 1 gol. Quest’ultima stagione è stata quella del definitivo addio alla Premier. Dopo altri 6 mesi negativi con la maglia Hammers, decide di trasferirsi al Porto dove sperava di trovare spazio e tranquillità per poter tornare a brillare. Il risultato non è stato quello sperato e Felipe è tornato alla base pronto per una nuova avventura.

Felipe Anderson 2.0

La voglia di riscatto di Felipe lo ha riportato alla Lazio, quale posto migliore di casa per tornare grande?

Sarri in conferenza lo ha subito accolto nei migliori dei modi sottolineando come, soli 3 anni fa, fosse un giocatore di livello mondiale seguito da Barcellona e Bayern Monaco. Il sistema di gioco di Sarri sarà il suo rodato 4-3-3 e il brasiliano ha le caratteristiche perfette per giocare nel suo tridente. L’obiettivo è chiaro: mettere Felipe nelle condizioni per poter tornare a brillare e decidere le partite con le sue accelerazioni devastanti.

Noi crediamo che Felipe Anderson giocherà come ala sinistra nel tridente. La sua qualità nell’1vs1 lo porta spesso a partire da sinistra per accentrarsi sul piede forte, perciò pensiamo che possa agire in quella zona di campo fraseggiando con Luis Alberto e Immobile. Per caratteristiche potrebbe anche giocare a destra, ma non lo vediamo molto propenso a fare quel lavoro da equilibratore che faceva Callejon per farvi capire.

Sicuramente è una scommessa, dopo 2 anni di basso livello, ma riportare a casa un giocatore del suo livello per soli 3mln era un’occasione imperdibile. Tare si è dimostrato ancora una volta un DS molto attento e capace di piazzare colpi di livello senza spendere grandi cifre.

lascia un commento

Your email address will not be published.