Europei, l’Italia ha una forza in più rispetto alle altre

Europei, l’Italia ha una forza in più rispetto alle altre

L’Italia conclude al meglio la fase a gironi degli Europei, totalizzando 3 vittorie su 3 con 0 gol subiti. I ragazzi di Mancini, ora, cominciano a fare paura sul serio.

LA FRANCIA FAVORITA agli europei? OCCHIO ALL’ITALIA DI MANCINI…

Gli Azzurri passeggiano contro il Galles, nonostante l’ampio turnover realizzato da mister Mancini. Cambiano gli addendi ma il risultato non cambia. L’Italia vince e convince ancora, non solo per il gioco e la superiorità in campo.

L’Europa comincia a temere seriamente gli Azzurri, gli unici tra le big a concludere la fase ai gironi imbattuti e senza aver subito gol. Un dato importante, che va a sottolineare lo straordinario lavoro realizzato dal tecnico italiano.

Fa sorridere come qualsiasi giocatore entri, sappia cosa fare e non cambi l’idea di gioco. Gioca Locatelli e l’Italia vince, gioca Pessina e vince ugualmente. Chi gioca poco, non vede l’ora di subentrare per poter mettersi a disposizione del gruppo e fare bene.

Sulla carta Francia e Belgio hanno una rosa più competitiva e sono sicuramente i favoriti per questo Europeo. C’è un elemento che, a mio avviso, queste due nazionali non hanno così forte come l’Italia: la coesione del gruppo. Mancini ha fatto un lavoro eccezionale nel creare una rosa veramente affiatata. Non c’è individualismo e c’è tanta voglia di sacrificarsi per il bene comune.

Potrebbe essere proprio questa la differenza tra gli Azzurri e le altre squadre. La qualità c’è, ma spicca su tutto il gruppo, elemento meno visibile nelle favorite alla vittoria.

LA VITTORIA COL GALLES: UNA CERTEZZA

La notizia più bella della partita contro il Galles è stato rivedere Verratti in campo. Il giocatore del Psg è stato uno dei migliori in campo, autore dell’assist a Pessina. Quantità e soprattuto qualità nel centrocampo azzuro, senza dimenticare che Mancini in mezzo al campo ha l’imbarazzo della scelta.

Rispetto a Locatelli, Verratti ha esperienza e ha giocato partite in palcoscenici importanti. Importante, dunque, il pieno recupero di un giocatore che dovrà fare la differenza, soprattutto, nei momenti più difficili e complicati.

A questo punto del torneo, una certezza c’è: l’Italia non può e non deve più nascondersi. Non deve avere paura di nessuno. “Siamo pronti alla morte, l’Italia chiamò”.

lascia un commento

Your email address will not be published.