Wimbledon 2021, il tempio del tennis: cosa dobbiamo aspettarci?

Wimbledon 2021, il tempio del tennis: cosa dobbiamo aspettarci?

Dopo un anno di stop, il torneo più caratteristico dei circuiti ATP e WTA è pronto a regalare spettacolo. L’erba di Wimbledon sta accogliendo, già in questi giorni, i primi atleti impegnati nei turni di qualificazione. Il torneo ufficiale inizierà il 28 giugno e terminerà l’11 luglio, in concomitanza con gli Europei di calcio. Manca ancora qualche giorno ma già non stiamo più nella pelle: andiamo a scovare i favoriti e le possibili sorprese di Wimbledon 2021.

Wimbledon 2021: i favoriti

In campo maschile non si può non indicare come favorito assoluto Novak Djokovic. Nole è reduce dal trionfo al Roland Garros che gli ha regalato la sua diciannovesima vittoria in uno slam. Nel torneo di Parigi, il tennista serbo ha dimostrato ancora una volta di essere il numero uno al mondo, non solo perché lo dice la classifica, ma soprattutto per la mentalità con cui scende in campo. Anche nelle partite dove tutto sembrava storto, Djokovic non si scompone mai e riesce a tirare fuori il suo miglior tennis. Esattamente quello che è successo a Parigi, prima agli ottavi contro Musetti e poi in finale contro Tsitsipas, quando ha recuperato due set di svantaggio. A Londra, con Nadal fuori causa, un Federer dalle condizioni fisiche incerte e il traguardo dei 20 slam a portata di racchetta, le motivazioni non mancano.

Non possiamo dimenticarci neanche di Roger Federer, nonostante la lontananza dai campi per più di un anno e mezzo. La sua salute non è quella dei tempi d’oro, ma Wimbledon è letteralmente il giardino di casa sua e lo svizzero si è preparato per oltre un anno proprio per questo evento. Il pubblico sarà dalla sua parte, la classe infinita non invecchia: sarà curioso vedere cosa ci mostrerà il fuoriclasse di Basilea.

In campo femminile, da qualche anno a questa parte, è impossibile fare dei reali pronostici. Indicativo notare come nell’ultimo Roland Garros le quattro semifinaliste del torneo arrivavano così in fondo, in un torneo slam, per la prima volta in carriera. Serena Williams insegue ormai da tempo il record di 24 slam di Margaret Smith Court, distante una sola lunghezza. La fuoriclasse statunitense però sembra aver perso lo smalto dei giorni migliori. Ad ogni modo Wimbledon è un torneo che è riuscita a vincere già 7 volte, impensabile non considerarla nel lotto delle favorite. Insieme alla Williams, impossibile non tenere conto di Simona Halep, vincitrice dell’ultima edizione; di Iga Swiatek, giovane polacca che sta crescendo di torneo in torneo dopo l’exploit di Parigi nel 2020; e di Ashleigh Barty, tennista australiana classe ’96.

Le possibili sorprese: chi può tentare il colpaccio?

Nel tabellone degli uomini sarà difficile togliere lo scettro a Nole Djokovic in questo Wimbledon 2021. Sia Danil Medvedev che Stefanos Tsitsipas non hanno mai avuto un grande feeling con l’erba. Quest’anno però arrivano con molte più certezze. Il russo, nelle ultime due stagioni, è forse il tennista cresciuto maggiormente. Tsitsipas è reduce dalla sua prima finale della carriera in uno slam a Parigi, dove ha giocato a un altissimo livello. Un gradino sotto sembra esserci Alexander Zverev, più volte bloccato dai suoi limiti mentali e caratteriali. Dominic Thiem, protagonista di una stagione fin qui deludente, è stato fermato da un infortunio al polso rimediato a Maiorca. Variabile impazzita può essere sicuramente Matteo Berrettini che nel corso di questo 2021 è tornato a esprimersi su ottimi livelli. Il gioco su erba sembra piacere molto al nostro portacolori che lo scorso weekend ha vinto il prestigioso torneo del Queen’s (primo italiano a riuscirci), conquistando così il suo secondo titolo su erba in carriera dopo Stoccarda 2019. Sognare non costa nulla. Tantissimi gli azzurri impegnati: Jannik Sinner, Fabio Fognini, Lorenzo Sonego e Lorenzo Musetti i più in forma.

Ormai abbiamo capito che nei tornei WTA è difficile anche stabilire chi saranno le possibili outsiders. Anche per Wimbledon 2021 è molto complicato stabilire chi potrebbe far saltare il banco. Il nome più intrigante è sicuramente quello dell’americana Coco Gauff. Nonostante la giovane età, la 17enne numero 23 al mondo è ormai presenza fissa nei tabelloni degli slam ed è pronta a continuare il suo percorso di crescita che potrebbe portarla, tra pochi anni, ai vertici del tennis mondiale. Le tenniste italiane ai nastri di partenza saranno 3: Camila Giorgi, Martina Trevisan e Jasmine Paolini. Niente da fare per Sara Errani, eliminata subito nel torneo di qualificazione.

lascia un commento

Your email address will not be published.