I tornei del Grande Slam: origini e record

I tornei del Grande Slam: origini e record

Si è chiusa una settimana molto positiva per il tennis azzurro. Nell’ATP cup il duo Berrettini-Fognini ha portato l’Italia in finale. La coppia azzurra ha battuto avversari quotati come l’Austria di Thiem, la Francia di Monfils e una Spagna, priva di Nadal, che poteva contare su gente del calibro di Bautista Agut e Carreno Busta. Nell’atto conclusivo i nostri portacolori si sono dovuti arrendere alla Russia, la nazionale più quotata e l’unica a poter vantare 2 top10 (Medvedev-Rublev). Sinner, invece, ha conquistato il 2° titolo in carriera nel Great Ocean Road Open, battendo Stefano Travaglia nella 7° finale tutta italiana a livello ATP. L’altoatesino è diventato il più giovane tennista a vincere 2 tornei consecutivi dal 2006 quando ci riuscì un certo Novak Djokovic. Archiviati i tornei di preparazione, ieri sono partiti gli Australian Open. Il torneo australiano, insieme a Roland Garros, Wimbledon e Us Open, fa parte dei tornei del Grande Slam, i più prestigiosi del tennis.

GLI SLAM ANTE LITTERAM

I 4 tornei attuali, però, non sono sempre stati i più importanti nel panorama tennistico. Innanzitutto per ragioni “anagrafiche”. Non nacquero contemporaneamente. Il primo in ordine di comparizione fu Wimbledon nel 1877, gli US Championships vennero alla luce nel 1881, i French Championships nel 1891 e gli Australasian Championships nel 1905. Se il torneo londinese, sin da subito, acquisì il valore di Major, la stessa sorte non toccò agli altri 3. Il torneo americano ottenne prestigio sul campo ma non ebbe il medesimo riconoscimento a livello politico. Gli altri due, invece, non erano grandi eventi; il torneo francese, addirittura, fino al 1924 era riservato ai soli tennisti francesi. Nel 1913 l’International Lawn Tennis Federation (l’attuale ITF) creò i World Championships (campionati mondiali), degli slam ante litteram. A Wimbledon (il World Grass Court Championships) si affiancarono il World Covered Court Championship che si giocava su campi in parquet indoor e il World Hard Court Championship che si disputava sulla terra battuta.

LA NASCITA DEGLI SLAM

Nel 1924 la federazione internazionale decise di ufficializzare la categoria Major ai quattro tornei maggiori. La scelta ricadde su Wimbledon, US Championships e Australasian Championships. Australia, Regno Unito e Stati Uniti erano, fino a quel momento, le uniche nazioni vincitrici della coppa Davis. Come 4° venne premiata la Francia e i French Championships, considerati ideale prosecuzione del World Hard Court Championships sulla terra rossa parigina, che dopo le Olimpiadi del 1924 sarebbero stati aperti ai giocatori di tutto il mondo. Il primo anno con i 4 Major al completo fu il 1925.

PERCHÉ GRANDE SLAM?

Ma come nasce l’espressione Grande Slam? Questo termine è una locuzione presa in prestito dal gioco del bridge, nel quale indica la giocata massima realizzabile, vincere tutte e 13 le prese possibili in una singola mano. Nel tennis invece, la definizione fu usata per la prima volta nel 1933 dal giornalista Alan Gould del Reading Eagle e ripreso da John Kieran del New York Times. Il giornalista americano scrisse: “Se l’australiano Jack Crawford dopo aver vinto in Australia, in Francia e in Inghilterra vincesse anche il torneo americano sarebbe come segnare un grande slam nel bridge”. Crawford, tuttavia, non riuscì a chiudere il cerchio agli US Championships. In finale si trovò a condurre per 2 set a 1 contro il britannico Fred Perry ma il caldo eccessivo e l’asma di cui soffriva lo costrinsero alla resa per 3-6 13-11 6-4 0-6 1-6.

IL GRANDE SLAM SOLARE

Con il termine Grande Slam, come detto, si intende la vittoria nei 4 tornei principali nell’arco dell’anno solare. Si tratta di un evento quasi irraggiungibile, solo Don Budge nel 1938 e Rod Laver (nel 1962 e 1969) sono riusciti vincere i 4 Major nello stesso anno solare, per quanto riguarda il singolare maschile. Nel femminile la situazione non è molto diversa, sono state appena 3 le donne capaci di realizzarlo: Maureen Connolly nel 1953, Margaret Court nel 1970 e Steffi Graf nel 1988. Quest’ultima, dopo aver fatto 30 fece 31, e mettendosi al collo la medaglia d’oro nel torneo olimpico di Seul 1988 completò il cd. Grande Slam d’Oro.

IL NON CALENDAR YEAR GRANDE SLAM

Se la vittoria dei quattro tornei avviene consecutivamente ma non nello stesso anno solare si parla di Non Calendar Year Grand Slam, Grande Slam Virtuale o Piccolo Grande Slam. Risultato altrettanto straordinario ma statisticamente più “facile” essendovi 3 combinazioni possibili (Us Open anno x, Australian Open x+1, Roland Garros x+1, Wimbledon x+1 oppure Wimbledon x, Us open x, Australian open x+1, Roland Garros x+1 o Roland Garros x, Wimbledon x, Us open x, Australia open x+1).  Nel singolare maschile l’unico ad averlo realizzato è stato Novak Djokovic a cavallo tra 2015 e 2016. Il serbo, infatti, riuscì a conquistare Wimbledon e Us open nel 2015 e Australian open e Roland Garros nel 2016. In ambito femminile questo risultato è avvenuto 4 volte con 3 protagoniste: Martina Navrátilová (1983-84), Steffi Graf (1993-94) e Serena Williams (2002-03, 2014-15). Serena, tra queste, è stata l’unica capace di riuscirci 2 volte; nel secondo caso arrivò a 2 passi dal completare il Grande Slam ufficiale, ma a sbarrarle la strada fu la nostra Roberta Vinci in semifinale degli Us Open 2015. Curiosamente la Navratilova vinse 6 slam consecutivi a cavallo di 2 anni ma riuscì a chiudere il Grande Slam solare.

IL CAREER GRANDE SLAM

Se è difficilissimo vincere i 4 tornei nello stesso anno solare, non molto più agevole conquistarli almeno una volta in carriera. Questo risultato è detto Career Grande Slam. Solo 8 uomini (Fred Perry, Don Budge, Rod Laver, Roy Emerson, Andre Agassi, Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic) e 10 donne (Maureen Connolly, Doris Hart, Shirley Fry, Margaret Smith Court, Billie Jean King, Chris Evert, Martina Navrátilová, Steffi Graf, Serena Williams e Maria Sharapova) hanno centrato questo traguardo in singolare.

CONCLUSIONI

Abbiamo scoperto insieme le origini storiche e i principali traguardi dei tornei del Grande Slam, se vuoi saperne di più sul 1° slam dell’anno, gli Australian Open, l’appuntamento è al prossimo articolo, sempre qui su coast2coast!

lascia un commento